lunedì 20 febbraio | 14:34
pubblicato il 24/ago/2016 12:39

Germania: II trim Pil confermato a +0,4%, spinta da export

Domanda domestica delude su contrazione spesa per investimenti

Germania: II trim Pil confermato a +0,4%, spinta da export

Roma, 24 ago. (askanews) - Nel secondo trimestre l'economia tedesca è cresciuta dello 0,4% rispetto al primo trimestre, su base annuale il progresso del Pil è pari +1,8%.

La spinta è arrivata dalla domanda estera netta che ha contribuito alla crescita congiunturale del Pil per 0,6 punti. Contributi negativi dalla domanda domestica -0,2%, dove i consumi privati e pubblici hanno entrambi contribuito per 0,1 punti mentre la spesa per investimenti ha dato un contributo negativo di -0,3 punti. Negativo di -0,1 anche il contributo sulle scorte.

Sull'immediato futuro della locomotiva europea gli economisti restano divisi. Alcune previsioni scontano una decelerazione nella seconda parte dell'anno e una crescita media del Pil per il 2016 tra +1,6/+1,7%. Altre previsioni ritengono che la Germania possa archiviare il 2016 con un Pil tra +1,8%/+1,9%. In quest'ultima ipotesi si tratterebbe della magggiore crescita dal 2011 quando il Pil registrò un aumento pari a +3,7%.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia