sabato 25 febbraio | 13:15
pubblicato il 26/nov/2012 20:08

Germania/ Cgil: Morte atroce, sistema tedesco discrimina disabili

"Ghettizzati in unica fabbrica, metodologia ripudiata in Italia"

Germania/ Cgil: Morte atroce, sistema tedesco discrimina disabili

Roma, 26 nov. (askanews) - La strage di 14 disabili in un incendio in una fabbrica tedesca "è una morte atroce, gravissima e agghiacciante, frutto malato di un sistema che ghettizza i disabili". Lo afferma la responsabile dell'ufficio politiche per la disabilità della Cgil, Nina Daita, dopo la morte di almeno 14 persone disabili per un incendio scoppiato in uno stabilimento nel sud della Germania. " un fatto di una gravità inaudita - sottolinea la Daita in una nota - accaduto in un Paese che ha la pretesa di essere la guida politica e sociale dell'intero continente europeo. Non è possibile che stia ancora in piedi un sistema, come quello tedesco, che ghettizza i disabili, ammassandoli in un unico contenitore: una metodologia che l'Italia ha sempre evitato e ripudiato". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech