martedì 17 gennaio | 07:54
pubblicato il 28/feb/2011 20:04

Generali/ Del Vecchio esorta i manager, Geronzi non conta

Si riaccendono polemiche, ieri l'attacco di Della Valle

Generali/ Del Vecchio esorta i manager, Geronzi non conta

Milano, 28 feb. (askanews) - Non c'è pace in casa Generali. A cinque giorni dal cda che ha affidato al ceo, Giovanni Perissinotto, la gestione anche delle e che sembrava aver sancito una tregua, giungono in meno di 24 ore l'affondo di Diego Della Valle sul presidente, Cesare Geronzi, e le dichiarazioni di Leonardo Del Vecchio, che intendono far chiarezza sulle sue dimissioni dal board, che nulla hanno a che vedere con eventuali dissapori con l'ex banchiere romano. Ma il patron di Luxottica, che rimane un forte azionista del Leone, lancia soprattutto un messaggio al management della compagnia: il potere è ormai nelle loro mani e non possono scaricare le colpe sugli altri. Le polemiche, questa volta, non hanno comunque penalizzato il titolo che ha chiuso la seduta in rialzo dello 0,6% a 16,39 euro, dopo aver toccato un massimo a 16,61. Ieri sera, Della Valle, consigliere e azionista di Generali, ha voluto replicare con toni duri, in una nota, alle dichiarazioni di Geronzi, rilasciate sabato a margine del Forex, definendo le esternazioni "inopportune" e "senza nessun senso logico" e suggerendo al presidente del Leone "di prendere atto di aver fatto il proprio tempo e di non essere più adeguato al mercato finanziario del terzo millennio". All'affondo di Della Valle, che di fatto mette fine alla tregua firmata la scorsa settimana, sono seguite oggi le dichiarazioni di Del Vecchio, che fanno chiarezza sulle reali motivazioni delle sue dimissioni, giunte inattese lunedì scorso. La sua decisione di uscire dal board non ha a che fare con Geronzi, che non ha ormai poteri in Generali, ha tenuto a ribadire il patron di Luxottica. "Non c'entra niente Geronzi - ha detto Del Vecchio - anche perchè Geronzi non è che conta molto ormai, Geronzi è senza potere, non ha nessun potere". "Semplicemente non mi ritenevo in grado di incidere sulle decisioni strategiche e aziendali e quindi non ritenendomi in grado di incidere la cosa più naturale che si possa fare, anche se non è di moda, è dare le dimissioni", ha spiegato Del Vecchio che, per il momento, in attesa che le quotazioni del titolo salgano manterrà la propria quota in Generali, pari all'1,9% circa. E se Geronzi non ha poteri in Generali, è perchè questi è tutto nelle mani del management, che ora non ha più alibi, ha ammonito Del Vecchio. Il management, ha detto riferendosi a Perissinotto e Sergio Balbinot, "ormai è diventato il capo azienda, sono loro l'azienda, non è che possono scaricare la colpa sugli altri, i manager hanno il potere e hanno la possibilità di fare quello che decidono di fare". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello