giovedì 23 febbraio | 13:17
pubblicato il 23/apr/2014 20:22

Generali: collocato bond a 12 anni da 1 mld. Domanda per 7,4 mld

Generali: collocato bond a 12 anni da 1 mld. Domanda per 7,4 mld

(ASCA) - Roma, 23 apr 2014 - Generali ha collocato oggi in poche ore un'emissione obbligazionaria subordinata a tasso fisso e durata di 12 anni per un importo complessivo di 1 miliardo di euro. L'emissione, rivolta a investitori istituzionali, ha ricevuto una domanda per 7,4 miliardi di euro, oltre 7 volte superiore al target. Con l'emissione odierna, conclusa con successo, il Gruppo ha coperto le esigenze di finanziamento fino alle ''call date'' del 2016. ''Piu' del 80% - spiega il Leone di Trieste - e' stato allocato a investitori istituzionali a lungo termine a dimostrazione dell'ottimo riconoscimento del credito di Generali presso gli investitori blue chip''. A seguito del riscontro di mercato particolarmente positivo, la guidance di spread e' stata rivista rispetto alle indicazioni iniziali in area 250 punti base ad uno spread finale fissato a 225 punti base, con una cedola pari al 4,125% ed un relativo prezzo di emissione del 99,073%. ''L'emissione - prosegue Generali - e' finalizzata sia al ripristino del capitale regolamentare a seguito della mancata ammissibilita' del finanziamento subordinato per 500 milioni acceso nel 2008 e gia' ripagato, che al rifinanziamento del debito senior di Gruppo in scadenza nel 2015, ad un costo inferiore per il Gruppo. Complessivamente l'emissione portera' ad un miglioramento dell'Interest Cover Ratio di Gruppo. Il Gruppo possiede inoltre le risorse necessarie per ottenere una riduzione netta del debito di 1 miliardo entro il 2014 ed ha anche rifinanziato il debito senior in scadenza nel 2015 con uno strumento subordinato, di fatto riequilibrando il mix di indebitamento del Gruppo tra debito senior e subordinato''.

L'emissione ha raccolto un forte interesse da parte degli investitori esteri, che hanno rappresentato circa l'87% dell'ammontare emesso. Circa il 34% dell'emissione e' stato allocato a investitori istituzionali inglesi, circa il 14% a societa' tedesche e il 12% in Francia. com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Grecia
Grecia, Regling: non ci sarà bisogno di nuovo salvataggio in 2018
Peugeot
Peugeot, Tavares: con Opel creiamo un campione europeo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech