venerdì 09 dicembre | 13:16
pubblicato il 06/nov/2013 19:59

Generali: cda delibera risoluzione consensuale con Agrusti

(ASCA)- Roma, 6 nov - Con riferimento all'informativa gia' resa nella Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2013, Generali fornisce, su richiesta di Consob, ulteriori informazioni relative alle attivita' di approfondimento svolte dalla Societa' in merito a investimenti in private equity e fondi alternativi effettuati in passato, rispetto ai quali si sono evidenziate irregolarita' sul piano della governance interna.

I principali ruoli decisori o di gestione attiva nelle operazioni oggetto di indagine - conferma la compagnia in una nota -sono stati svolti dall'ex Amministratore Delegato, Giovanni Perissinotto e dall'ex Direttore Generale, Chief Financial Officer di Gruppo e Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Raffaele Agrusti.

Al termine degli approfondimenti svolti, il Consiglio di Amministrazione ha valutato se, allo stato, sussistessero i presupposti per iniziative legali a tutela della Societa', in particolare nei confronti dei due manager sopra indicati, concludendo che ''sulla scorta del parere legale acquisito, e' anzitutto risultato escluso qualsiasi profilo di rilevanza penale nei comportamenti emersi'' e ''dal punto di vista civilistico, l'analisi condotta ha portato, sempre in coerenza con il parere legale acquisito, alla decisione di non procedere, allo stato, a possibili azioni risarcitorie nei confronti dei manager in parola, principalmente in considerazione della difficolta' di collegare le irregolarita' emerse a danni risarcibili a norma di legge (e quindi confortati dai necessari elementi di prova in merito a esistenza, prevedibilita' ed entita' degli stessi), tenuto conto, tra l'altro, che taluni degli investimenti oggetto di indagine non sono ancora giunti a scadenza, anche se, quando necessario, a fronte delle perdite prevedibili sono state iscritte le dovute svalutazioni, nonche' dei possibili impatti reputazionali''.

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre deliberato, sulla base di una valutazione complessiva dell'interesse della Societa', di dare corso ad una risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con Raffaele Agrusti. Tale risultato e' stato raggiunto attraverso un accordo che ha tenuto in considerazione il rischio che una soluzione contenziosa conducesse a conseguenze piu' onerose per la Societa', nonche' l'esigenza di un percorso di uscita del manager dalla Societa' che ne assicurasse transitoriamente la collaborazione, secondo modalita' e tempistiche concordate.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina