sabato 25 febbraio | 05:38
pubblicato il 07/feb/2012 07:58

Gas/ Tabarelli: Sistema approvvigionamento poco flessibile

L'opinione del presidente di Nomisma Energia

Gas/ Tabarelli: Sistema approvvigionamento poco flessibile

Roma, 7 feb. (askanews) - "Il nostro è un sistema molto poco flessibile dal punto di vista energetico": a dirlo intervistato dalla Stampa è Davde Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, la società specializzata nell'analisi dei mercati energetici, all'indomani dell'allerta sulla possibile mancanza di gas. Ieri il governo ha annunciato l'avvio della "messa in esercizio delle centrali elettriche ad olio combustibile, che consentiranno di contenere i consumi di gas a uso termoelettrico". L'allerta scatta per l'ondata di gelo che ha fatto impennare i consumi, e per il livello ridotto di forniture dalla Russia. Nota Tabarelli: "Le centrali a olio combustibile sono state chiuse quasi tutte per effetto delle liberalizzazioni. Qual era la società che si poteva permettere degli impianti a olio? Ne sopravvivovno tre o quattro in tutta Italia e ne servirebbero di più soprattutto nell'area padana dove i consumi sono maggiori". In Italia "non sono state previste alternative più efficienti e nessuno ha mai obbligato a tenere aperti questi impianti" lamenta Tabarelli. Secondo il presidente di Nomisma non sortirà gravi effetti la decisione di interrompere le forniture ai clienti industriali là dove i contratti lo consentono: "non si tratta di grossi volumi, se l'industria consuma in questi giorni 50 milioni di metri cubi al giorno, avremo 4-5 milioni in meno". Mentre il grosso della domanda "è nel settore riscaldamento dove non si può ridurre". Nel 2006, ricorda Tabarelli, una simile emergenza gas (dovuta alla crisi russo-ucraina) "durò 50 giorni e costò in totale 250 milioni di euro. Una cifra irrisoria se spalmata su tutti i metri cubi consumati". Potrebbe avvenire lo stesso, ma il problema in prospettiva è che "non c'è sufficiente flessibilità, sia nel senso dell'approvvigionamento che nella capacità di stoccaggio. Siamo l'unico paese al mondo che dipende in maniera così massiccia dal gas importato per la produzione di energia elettrica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech