mercoledì 22 febbraio | 00:51
pubblicato il 03/mar/2014 11:59

Gas: Staffetta, consumi a picco a febbraio (-21,1%)

(ASCA) - Roma, 3 mar - Con l'avvio del 2014 i consumi di gas tornano a precipitare: le temperature miti si sommano alla perdurante caduta del termoelettrico, smentendo i segnali che a fine 2013 facevano pensare a una stabilizzazione. Secondo le elaborazioni della Staffetta sui dati di Snam Rete Gas, in febbraio l'Italia ha consumato 6.927 mln di mc di gas, in calo del 21,1% sullo stesso mese del 2013 e del 35,5% sull'emergenza freddo di febbraio 2012.

Analizzando la domanda per settore di consumo, i prelievi del comparto civile sono diminuiti di ben il 25,8% a 4.113,2 mln mc (-37,5% sul 2012). Si conferma e peggiora ancora anche il calo dei consumi delle centrali elettriche: -28,1% sul 2013 e -47,7% sul 2012 a 1.356,4 mln mc, sempre per l'effetto combinato della minore domanda elettrica e della ''concorrenza'' delle rinnovabili. Un dato che pare smentire i segnali di fine 2013 che il comparto potesse aver toccato il fondo (e nei prossimi mesi non aiutera' l'effetto delle abbondanti piogge di queste settimane sulla produzione idroelettrica). Si difende solo la domanda industriale, a 1.167,3 mln mc (+1,9% sul 2013 ma -6,6% sul 2012).

Se si ripercorre la serie storica, in un confronto tra i mesi di febbraio degli ultimi dodici anni attraverso i numeri indice (gennaio 2003=100), i consumi del mese appena concluso sono di gran lunga piu' bassi del periodo, seguiti da 2007 (89,7) e 2013 (92,9).

A livello cumulato nei primi due mesi del 2014 l'Italia ha consumato 15.357,7 mln mc, in calo del 15,9% sullo stesso periodo del 2013 e del 27,3% sul 2012. I prelievi del settore civile, flettono rispettivamente del 17% e del 26,9% a 9.257,5 mln mc e quelli del termoelettrico del 21% e del 36,4% a 3.137,4 mln mc. I prelievi dell'industria invece sono in lieve aumento sul 2013 (+1,8%) a 2.370,6 mln mc (-3,9% sul 2012).

Passando all'offerta, ai minori prelievi di febbraio ha corrisposto una flessione dell'import (4.589,5 mln mc, -11,6% sul 2013 e 39,1% sul 2012) e della produzionenazionale (542 mln mc, -5,7% sul 2013 e -12,9% sul 2012). In significativa contrazione anche i prelievi da stoccaggio: 1.796,3 mln mc, ben il 40,3% in meno del 2013 e il 30,4% in meno del 2012.

Anche a livello cumulato nel periodo novembre-febbraio della stagione invernale le erogazioni totali (6.290,9 mln mc) flettono del 28,6% sul periodo corrispondente del 2012-13. In calo pure le importazioni (10.079,9 mln mc -11,7% sui primi due mesi del 2013 e -30,6%) e la produzione (1.161,4 mln mc, rispettivamente -5,2% e -13,5%).

Venendo infine alla scomposizione dell'import per punto d'ingresso, anche in febbraio il gas russo in entrata a Tarvisio ha dato il maggior apporto con 2.695,3 mln mc (+16,5% sul 2013). La perdurante frenata che si protrae ormai da settimane pesa invece sull'import algerino (-58,2% a 751,3 mln mc). Il Nord Europa si attesta a 321,8 mln mc (+138% sul fiacco 2013). In aumento la Libia (-12,1% a 454,6 mln mc) mentre cala il Gnl di Rovigo (-32,5% a 364,9 mln mc). Ancora fermo il rigassificatore di Panigaglia.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia