domenica 19 febbraio | 17:49
pubblicato il 02/gen/2014 13:46

Gas: Staffetta, 2013 anno nero per i consumi (-6,4%)

(ASCA) - Roma, 2 gen 2014 - L'Italia ha sempre meno bisogno di gas naturale: i consumi del 2013 sono ormai tornati ai primi anni del 2002. A pesare sono stati il nuovo annus horribilis della domanda termoelettrica, penalizzata dalla debolezza dei consumi di elettricita' e dalla sempre piu' forte concorrenza delle rinnovabili, molto piu' contenuta invece la flessione della domanda industriale. Secondo le elaborazioni della Staffetta Quotidiana sui dati di Snam Rete Gas, nell'anno appena concluso l'Italia ha consumato solo 69,5 miliardi di mc, un valore perfino, e non di poco, inferiore ai 70,5 mld mc del 2002. Il calo sul 2012 e' stato del 6,4% (l'anno scorso ci si era fermati al 4,1%) mentre quello sul 2011 e' del 10,2%. Quest'anno ci sono state meno punte di freddo intenso come nel 2012 mentre i consumi delle automobili alimentate a metano, anche quest'anno in notevole aumento, restano ancora molto modesti.

Analizzando la domanda per settore di consumo, la flessione piu' pronunciata si registra nella produzione termoelettrica: 20,61 mld mc, in calo del 16,5% sul 2012 e addirittura del 25,7% sul 2011. Segue l'industria, che nei 12 mesi cede lo 0,8% a 13,15 mld mc (-2,9% sul 2011). Chiude invece ai livelli del 2012 il comparto civile: 33,88 mld mc, con una flessione dello 0,1% sul 2012 e un aumento dello 0,5% sul 2011.

Passando ai dati mensili, a dicembre, a differenza dello scorso anno, i consumi non hanno beneficiato di condizioni meteo particolarmente avverse, fermandosi a 8.777,3 milioni di mc, in flessione del 4,3% sullo stesso mese del 2012 (sul 2011 il calo e' invece solo dell'1%). A consumare meno sono stati in particolare i clienti civili, in flessione del 8,5% a 5395,4 mln mc (+2,1% invece rispetto al piu' mite dicembre di due anni fa). In ripresa invece sia l'industria che il termoelettrico: le grandi imprese hanno prelevato in tutto 1.115,6 mln mc (+ 3,7% sul 2012 e +0,4% sul 2011) e le centrali 1.973,4 mln mc (rispettivamente +2,8% e -9,1%).

Passando all'offerta, nel 2013 l'Italia ha importato in tutto solo 61,5 mld mc, il 9% in meno del 2012 e il 12,5% in meno del 2011. In flessione anche la produzione nazionale a 7,5 mld mc (-8,1% sul 2012 e -6,5% sul 2011). Nei primi due mesi della stagione invernale, infine, le erogazioni nette da stoccaggio di sono attestate a 2,17 mld mc, in calo dell'8,8% sul novembre-dicembre 2012 e di ben 34,7% sullo stesso periodo del 2011. Nel solo mese di dicembre invece l'import e' aumentato del 5,7% a 6.932,5 mld di mc contro i 6.555,5 del 2012 (e addirittura a +13,7% sul 2011), con il record storico dei volumi dalla Russia (e la parallela flessione di quelli algerini), conseguenza delle rinegoziazione di prezzi e volumi dei contratti con clausole take or pay.

rec-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia