giovedì 08 dicembre | 05:14
pubblicato il 10/dic/2013 12:06

Gas: Recchi (Eni), da Ue piu' sinergia per mercato comune

(ASCA) - Roma, 10 dic - ''L'Europa rischia di perdere la sua sicurezza energetica ed e' obbligata a comprare''. Per Giuseppe Recchi, presidente dell'Eni, la problematica della rinegoziazione dei contratti 'Take or pay' puo' portare a una criticita' che non e' risolvibile ''con lo shale gas o con le energie rinnovabili ma unicamente con maggiori sinergie dell'Unione europea verso un vero mercato comune del gas''.

Recchi, intervenuto al foro di dialogo Italia-Spagna in corso a Roma, ha evidenziato come ''nell'area del Nord Africa ci siano difficolta' a rinegoziare i contratti''. ''Siamo poi molto preoccupati per la situazione istituzionale in Libia - ha aggiunto Recchi - dove sara' dura poter tornare a negoziare con tranquillita'''. Per quanto riguarda la Russia, ''oggi guarda sempre piu' all'Asia con forti investimenti e per questo, dovendo importare, rischiamo di perdere la nostra sicurezza energetica''. gbt/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni