domenica 22 gennaio | 02:45
pubblicato il 03/giu/2014 16:44

Gas: QE, si arresta calo domanda. A maggio consumi -1%

(ASCA) - Roma, 3 giu 2014 - Non si arresta il calo della domanda gas, anche se rispetto ai primi mesi del 2014 e' decisamente piu' contenuto: la flessione e' infatti dell'1% rispetto a maggio 2013. I consumi del mese appena concluso sono stati 3653,5 milioni di metri cubi contro i 3694,4 milioni di metri cubi di dodici mesi fa.

In maggio, segnala il consueto rapporto di Ref-E per QE, l'effetto climatico e' meno importante rispetto ai mesi precedenti e i prelievi delle reti di distribuzione riportano un aumento tendenziale (+5,3%) dopo i pesanti cali registrati nei mesi invernali a causa delle temperature miti dell'inverno appena passato.

Prosegue il calo dei consumi del settore termoelettrico anche se l'entita' della diminuzione (-5,8%) e' meno netta rispetto a quella dei mesi precedenti e, in parte, e' dovuta al minor numero di giorni lavorativi (21 contro 22). I livelli di consumo pero' rimangono sempre molto bassi e il calo piu' contenuto nel mese di maggio e' dovuto piu' ai livelli molto limitati registrati lo scorso anno che ad un inizio di ripresa della domanda degli impianti a gas.

I prelievi della grande industria confermano il calo registrato in aprile riportando una flessione pari al -2.2% sulla quale influisce, come nel caso dei consumi del settore termoelettrico, l'effetto di calendario. Sembra quindi essersi fermato il trend positivo che si era avuto tra la fine del 2013 e il primo trimestre 2014 anche se gli indicatori macroeconomici rimangono positivi.

A livello cumulato, i primi cinque mesi del 2014 hanno visto i consumi gas contrarsi del 16% rispetto al 2013, con i prelievi civili e delle centrali a gas in forte diminuzione (rispettivamente -18,9% e -21,5%) e ora anche i consumi industriali sono in calo, seppur di lieve entita' (-0,1%).

Al netto dagli effetti del calendario e delle temperature, secondo le elaborazioni REF-E i consumi di maggio mostrerebbero un aumento dell'1,1%, riportando cosi' il primo aumento tendenziale da sei mesi. I consumi depurati dall'effetto delle temperature e del calendario indicano un aumento piu' contenuto per i prelievi del segmento residenziale, terziario e piccola industria (+4,5%); un calo inferiore per la grande industria (-1,0%), mentre la domanda di gas degli impianti termoelettrici vedrebbe un leggerissimo aumento (+0,3%).

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4