sabato 03 dicembre | 14:48
pubblicato il 01/set/2014 16:50

Gas, QE: con clima fresco e piovoso si conferma calo consumi ad agosto

(ASCA) - Roma, 1 set 2014 - Il perdurare del clima fresco e piovoso nel mese di agosto e' stato determinante nella conferma del calo dei consumi gas registrato anche nel mese di luglio: rispetto ad agosto 2013 la variazione e' pari al -5%. I consumi nel mese appena concluso, registrati sulla rete Snam, sono stati pari a 3004,2 milioni di metri cubi contro i 3176,8 milioni di metri cubi di dodici mesi fa.

A spingere al ribasso la domanda di gas e' stata la contrazione dei consumi del settore termoelettrico (-28,7%).Il trend registrato in luglio si conferma anche in agosto: da un lato le temperature contenute (-31% i gradi giorno raffrescamento rispetto ad agosto 2013) hanno ridotto i consumi di condizionatori e ventilatori; dall'altro l'elevata piovosita' ha consentito un'ottima produzione idroelettrica.

I prelievi delle reti di distribuzione (usi civili, commerciali e terziario) confermano invece i notevoli aumenti del mese precedente, con un +31,8% che potrebbe indicare una certa ripresa produttiva della piccola industria e del terziario;andamento confermato anche dalla grande industria che registra una netta crescita dei consumi (+13.5%).

A livello cumulato, i primi otto mesi del 2014 vedono i consumi gas complessivi in diminuzione del 12,7% rispetto al 2013, con i prelievi civili e delle centrali a gas in forte diminuzione (rispettivamente -15,3% e -16,5%),mentre la grande industria e' in crescita rispetto allo scorso anno(+1.0%).

Al netto dagli effetti del calendario e delle temperature, secondo le elaborazioni REF-E per QE i consumi di agosto mostrerebbero un aumento del 7,0%. I consumi delle centrali a gas, depurati dall'effetto delle temperature e del calendario,restano in diminuzione, ma riducono nettamente il calo tendenziale (-4,9%)a dimostrazione dell'impatto dell'effetto temperatura e, con entita' minore,l'effetto calendario (un giorno lavorativo in meno rispetto al 2013). I prelievi del segmento residenziale, terziario e piccola industria, depurati dall'effetto climatico e di calendario, registrano un aumento piu' marcato rispetto a quello effettivo(+33,1%) e la stessa dinamica vale per la grande industria (+15,4%).

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari