martedì 21 febbraio | 04:37
pubblicato il 04/set/2014 18:34

*Gas, Descalzi:su Ucraina lavoriamo,non c'e' grande preoccupazione

Lavoriamo a livello di rete e con il governo (ASCA) - Roma, 4 set 2014 - Le aziende energetiche italiane stanno lavorando tutte insieme "a livello di rete e con il governo" per gestire un eventuale calo del gas dalla Ucraina a causa del conflitto con la Russia. Lo ha assicurato l'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, a margine con un incontro con il commissario Ue Gunther Oettinger.

Al termine dell'incontro Descalzi ha spiegato che "non c'e' grandissima preoccupazione perche' l'Italia ha diversificato le fonti di approvvigionamento e continua a farlo. "Abbiamo stoccaggi importanti, che se ben gestiti possono assicurare le punte nel periodo piu' freddo. Possiamo supportare un calo dalla Russia, ma certo se c'e' anche la Libia sarebbe piu' preoccupante". Descalzi ha spiegato che, anche se e' "difficile" fare a meno del gas russo per un periodo prolungato durante l'inverno, l'Italia e' "ben equipaggiata" e ha ricordato come Eni importi dalla Russia circa il 25-28% del gas del gruppo.

Rbr/Ral

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia