martedì 24 gennaio | 04:03
pubblicato il 06/dic/2014 12:21

Garante europeo Privacy: riforma tutelerà i diritti fondamentali

Buttarelli: motori ricerca coniughino sicurezza e privacy

Garante europeo Privacy: riforma tutelerà i diritti fondamentali

Roma, (askanews) - La riforma europea della privacy dovrà tutelare i diritti fondamentali e pur considerando i vantaggi economici che possono derivare dall'uso aggregato dei dati, dovrà spingere le grandi aziende ad una maggiore sostenibilità etica. Lo ha detto in una intervista ad askanews Giovanni Buttarelli, ex segretario generale del Garante della Privacy, da poco nominato garante della privacy europeo. "Siamo alla vigilia di una riforma significativa della privacy, che avrà effetti più importanti della rivoluzione industriale degli ultimi tempi. Non voglio imporre una visione unilaterale della protezione dati in chiave di tutela dei diritti fondamentali, sono disposto a considerare anche gli aspetti del benessere economico che possono derivare dall'uso aggregato delle informazioni. Ma i grandi player del mondo, a cui si applicheranno le nuove regole europee, devono capire meglio che c'è da affrontare un discorso di sostenibilità etica e maggiore trasparenza. La linea è più accountability e più correttezza".

Sul tema del diritto all'oblio, Buttarelli spiega: "Abbiamo approvato un importante documento che aggiorna la situazione dopo alcuni mesi successivi alla sentenza europea nel caso spagnolo. La pronuncia e la linea di indirizzo deve valere per tutti i motori di ricerca, non solo i più grandi. Il diritto all'oblio non è un diritto assoluto, c'è spazio per altri valori".

Ciò significa che se c'è una informazione che ci riguarda e vogliamo chiedere la cancellazione da un motore di ricerca è possibile? "I motori di ricerca hanno già dovuto mettere un nuovo dispositivo per poterli contattare direttamente. Ma non è detto che una semplice richiesta comporti la cancellazione".

In tema di sicurezza pubblica, Buttarelli ha aggiunto: "C'è un tema di ragionevolezza, necessità e proporzionalità. L'autorità italiana ha dimostrato che è possibile conciliare i diversi valori in gioco, compresa la sicurezza". "Credo sia una scommessa: le autorità della privacy devono fare molto, ma anche il mondo dell'informazione deve svolgere un suo ruolo per far capire meglio le conseguenze".

Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4