martedì 24 gennaio | 02:28
pubblicato il 06/mag/2014 17:23

G7 energia: Guidi, sicurezza energetica al centro del vertice

G7 energia: Guidi, sicurezza energetica al centro del vertice

(ASCA) - Roma, 6 mag 2014 - Il riconoscimento che ''la sicurezza energetica non e' un tema dei singoli stati ma una responsabilita'' collettiva'', la ''condivisione del principio della necessita' di ridurre la dipendenza nelle forniture'' con lo sviluppo delle infrastrutture oltre, inevitabilmente, alle conseguenze della crisi ucraina. Il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, ha sintetizzato cosi' le conclusioni dei lavori del G7 energia di Roma.

I lavori, avviati ieri sera, sono proseguiti stamane, alla presenza dei capi delegazione dei sette Paesi: il ministro francese dell'Ecologia, Sviluppo Sostenibile ed Energia, Segolene Royal; il ministro tedesco degli Affari Economici ed Energia, Sigmar Gabriel; il Segretario di Stato inglese all'Energia e ai Cambiamenti Climatici, Edward Davey; il Segretario di Stato degli Stati Uniti, Ernest J.Moniz; il ministro giapponese dell'Economia, Commercio e Industria, Toshimitsu Motegi; il ministro canadese delle Risorse Naturali, Greg Rickford. Ai lavori hanno partecipato anche il Commissario Ue all'Energia, Guenter Oettinger e il Direttore esecutivo dell'IEA, Maria van Hoeven. ''Al centro dell'agenda la sicurezza energetica collettiva e gli interventi necessari a garantirla - ha sottolineato Federica Guidi nella Conferenza stampa conclusiva -. La prima parte del dibattito ha analizzato quali strategie adottare per ridurre la dipendenza energetica e i rischi a essa collegati e ha visto l'accordo dei sette ministri sulla necessita' di sostenere la diversificazione delle fonti primarie e delle tecnologie di produzione e distribuzione dell'energia, l'impegno per l'efficienza energetica e per un uso piu' diffuso delle fonti alternative agli idrocarburi (rinnovabili, nucleare, combustibili alternativi).

''Lo sviluppo e la modernizzazione delle infrastrutture  - ha proseguito il Ministro dello Sviluppo economico - e' stato il tema della seconda parte dei lavori, che hanno evidenziato la necessita' di reti dell'energia piu' potenti e integrate, capaci di garantire approvvigionamenti anche nell'eventualita' di choc energetici.

Il che vuol dire maggiori interconnessioni tra i Paesi, sviluppo di nuovi impianti per produrre, ricevere e distribuire il Gas Naturale Liquefatto, diffusione delle smart grids e di efficienti sistemi di stoccaggio per l'energia elettrica e il gas''.

''Ultimo tema affrontato, sempre nell'ottica di assicurare la sicurezza energetica - ha concluso il ministro Guidi - e' stato come armonizzare le politiche e il quadro regolatorio in materia di mercati delle materie prime, meccanismi di formazione del prezzo dell'energia e della CO2, difesa della concorrenza, libero accesso ai mercati e alle infrastrutture, e, infine, sistemi coerenti di incentivazione delle fonti rinnovabili e dell'efficienza energetica''.

com-fgl/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4