sabato 21 gennaio | 12:14
pubblicato il 29/lug/2014 18:08

Furgoni: Mercedes, per nuovo Vito parola d'ordine versatilita'

(ASCA) - Roma, 29 lug 2014 - Valori unici, massimo profitto e costi contenuti: il nuovo Mercedes-Benz Vito e' l'ambasciatore della Stella nel segmento dei MidsizeVans tra 2,5 t e 3,2 t di peso totale a terra, strizzando l'occhio ad artigianato, commercio, piccola e media impresa, servizi navetta e taxi. Il Furgone della stella e' disponibile in tre versioni di lunghezza. Con la trazione anteriore e' leader del segmento in termini di carico utile. Nella versione Mixto con cabina doppia coniuga i vantaggi del Furgone a quelli del Kombi. Con Vito Tourer, apre una strada nuova per il trasporto di passeggeri. Una famiglia completa, quindi, con versioni su misura per le piu' svariate tipologie di trasporto di persone. La versatilita', caratteristica del nuovo Vito, emerge con evidenza quando si parla di trazioni. Primo veicolo nella sua categoria, come detto il Vito e' disponibile a scelta con trazione posteriore, integrale, e adesso anche anteriore.

Esercizio prevalentemente senza rimorchio ed elevato carico utile, a costi bassi: questo e' il profilo su cui e' tarato il nuovo Vito a trazione anteriore con motore montato trasversalmente. Il compatto 4 cilindri da 1,6 l di cilindrata e' disponibile in due livelli di potenza: Vito 109 CDI da 65 kW (88 CV) e Vito 111 CDI da 84 kW (114 CV).

Esigenze maggiori in termini di prestazioni di marcia, peso totale a terra fino a 3,2t ed esercizio con rimorchio sono invece le necessita' a cui risponde il Vito a trazione posteriore con il 4 cilindri da 2,15 l di cilindrata. E' disponibile in tre versioni di potenza, Vito 114 CDI, 100 kW (136 CV), Vito 116 CDI, 120 kW (163 CV) e Vito 119 BlueTEC, 140 kW (190 CV). Il Vito 119 BlueTEC e' gia' conforme alla futura norma sui gas di scarico Euro 6. La trasmissione della forza motrice e' affidata di serie a un cambio manuale. Il nuovo Mercedes-Benz Vito inoltre fissa nuovi parametri anche in termini di sicurezza. Precisione dello sterzo, freni a disco decisi su tutte le ruote (a seconda del modello, impianto frenante da 16'' o 17'') e e ADAPTIVE ESP di serie sottolineano lo standar di sicurezza della nuova generazione.

Rispetto alle versioni precedenti tutte e tre le lunghezze del Vito sono cresciute di 140 mm, un aumento riconducibile sostanzialmente all'avancorpo allungato a vantaggio della protezione pedoni. Ne derivano lunghezze di 4.895 mm, 5.140 mm e 5.370 mm, mentre l'altezza massima, a seconda del modello, raggiunge i 1.910 mm. Tutte le versioni restano nettamente al di sotto della soglia dei due metri, che permette di accedere ai comuni garage, autosilo e impianti di lavaggio.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Fisco
Panama Papers, Agenzia Entrate individua primi 700 soggetti
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4