mercoledì 18 gennaio | 23:16
pubblicato il 26/set/2013 11:55

Fs: accordo Rfi-Legacoop per stazioni in comodato d'uso

(ASCA) - Roma, 26 set - Nuovo tassello nel processo di valorizzazione di 1.700 stazioni del network ferroviario nazionale attraverso progetti sociali, di valorizzazione dell'ambiente o di promozione culturale. Rete Ferroviaria Italiana ha firmato, infatti, l'accordo con Legacoop Sociali, l'Associazione Nazionale delle Cooperative Sociali, per la concessione in comodato d'uso di spazi ferroviari a livello nazionale.

Il protocollo ''STazioni di comunita''' - si legge in una nota -, che ha una durata di quattro anni rinnovabili, prevede che questi spazi siano destinati a progetti d'inclusione sociale per soggetti deboli, ma anche ad attivita' di protezione civile, iniziative culturali e di valorizzazione storica e ambientale. RFI mettera' a disposizione in comodato d'uso locali e aree non piu' funzionali alle attivita' ferroviarie.

L'intesa segue i 4 Protocolli siglati con associazioni di valenza nazionale (Legambiente, Associazione Italiana Turismo Responsabile, Centro Servizi del Volontariato) e con la Regione Toscana. Una nuova filosofia di gestione delle stazioni, che mira a coniugare le esigenze del territorio con quelle dei viaggiatori e delle Ferrovie. RFI ha gia' concesso 480 stazioni in comodato d'uso gratuito ad associazioni di volontariato e Comuni per progetti socialmente utili, con indubbi vantaggi: piu' sicurezza percepita dai viaggiatori, migliore pulizia e manutenzione, minori rischi di vandalizzazione e degrado, opportunita' di sviluppo occupazionale per i giovani e di nuovi servizi dedicati per i bisogni cittadini. Tra le Regioni con il maggior numero di stazioni concesse in comodato d'uso ci sono Lombardia (97), Piemonte (67) e Veneto (61).

Alla base di questo e degli altri Protocolli siglati ci sono anche i principi del progetto WORK in Station, promosso dalle Ferrovie dello Stato Italiane assieme alle Ferrovie francesi e belghe con l'obiettivo di utilizzare le stazioni come punto di partenza per il reinserimento nel mondo del lavoro delle persone svantaggiate. L'impegno del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane nel campo sociale trova concreta evidenza in alcuni numeri significativi: nel 2012 oltre 170.000 persone hanno chiesto aiuto ai nostri 15 Help Center aperti nelle principali stazioni italiane; il Gruppo ha messo a disposizione dell'associazionismo e degli enti locali spazi immobiliari per circa 9.000 mq nelle principali stazioni e per circa 80.000 mq nelle stazioni medio-piccole.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina