lunedì 27 febbraio | 19:36
pubblicato il 13/mar/2014 18:01

FriulAdria: utile del 2013 in aumento del 50,4%

(ASCA) - Pordenone, 13 mar 2014 - Il consiglio di amministrazione di Banca Popolare FriulAdria (Gruppo Cariparma Credit Agricole), riunitosi a Pordenone sotto la presidenza di Antonio Scardaccio, ha approvato il progetto di bilancio 2013 che verra' sottoposto all'Assemblea degli azionisti convocata per domenica 13 aprile al Teatro Verdi di Pordenone.

FriulAdria Credit Agricole chiude l'esercizio con un utile netto pari a 28.5 milioni di euro, superiore di 9,6 milioni (+50,4%) rispetto allo scorso anno, che esprime la capacita' della banca di reagire alla crisi dei mercati e di continuare a proporsi come punto di riferimento per le famiglie e le imprese del territorio. Il Roe e', quindi, del 4,2%. Il dividendo che verra' proposto all'assemblea degli azionisti e' di 1,01 euro, mentre il rendimento dell'azione si attesta al 2,3%. Gli impieghi verso la clientela ammontano a 6.325 milioni, in lieve flessione rispetto ai 6.440 milioni del 31 dicembre 2012 a causa del calo della domanda di credito, ma con un andamento decisamente migliore rispetto al mercato. In controtendenza la dinamica dei mutui, in aumento di 84 milioni (+2,2%) a conferma dell'attenzione della banca per le famiglie e l'economia locale.

Il sostegno all'acquisto della prima casa, ancorche' in un contesto di stasi delle transazioni immobiliari nel Nord Est, e' stato mantenuto per tutto l'anno offrendo tassi e condizioni competitive. In particolare, la campagna pubblicitaria del mutuo a tasso fisso 2,50% per i primi due anni, abbinato all'elettrodomestico in omaggio, ha trainato la crescita dei mutui: 2.137 sono i nuovi contratti stipulati nel 2013, di cui 1.406 in Veneto e 731 in Friuli Venezia Giulia.

Considerando anche i prestiti personali sono oltre 260 i milioni di nuovo erogato nel 2013 ai privati e alle famiglie del territorio. ''Il bilancio 2013 conferma che FriulAdria Credit Agricole ha continuato a svolgere con successo quella missione di sostegno all'economia e alla societa' locale che da sempre la caratterizza e il mercato le riconosce - sottolinea il presidente Antonio Scardaccio -. Si tratta di un risultato reso ancora piu' significativo dal contesto recessivo in cui e' stato ottenuto e che dimostra il valore aggiunto dell'appartenenza ad una realta' bancaria solida come il Gruppo Cariparma Credit Agricole''.

Secondo il direttore generale Carlo Crosara, ''la tenuta della redditivita' e il rafforzamento della solidita', testimoniata da un indice di copertura del credito deteriorato e delle sofferenze tra i piu' alti del sistema e da un Core Tier One salito al 10,7%, ci collocano ai vertici del sistema bancario locale. Le iniziative finalizzate al miglioramento dell'efficienza sono state portate avanti nel rispetto della vocazione territoriale e della sensibilita' sociale della banca e cio' ha pagato''. fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech