sabato 21 gennaio | 07:17
pubblicato il 23/ago/2016 15:22

Francia, turismo colpito da paura attentati: -7% visitatori esteri

Ministro Ayrault diffonde dati: "fragilità destinazione Parigi"

Francia, turismo colpito da paura attentati: -7% visitatori esteri

Roma, 23 ago. (askanews) - E' pesante il prezzo che il comparto turistico francese sta pagando per la paura di nuovi attentati dopo gli attacchi terroristici degli ultimi mesi. Dall'inizio dell'anno gli arrivi di turisti stranieri in territorio transalpino sono calati del 7%, ha annunciato il ministro degli Esteri e del Tutismo Jean-Marc Ayrault, che ha segnalato una "fragilità della destinazione Parigi" e ha prerannunciato un imminente riunione d'urgenza per affrontare il tema.

Secondo Ayrault "gli attentati spiegano in parte queste tendenze deludenti" mentre "la percezione del rischio sicurezza ha avuto un'influenza netta su alcuni tipi di clientela, in particolare sui più facoltosi, o su quella proveniente dall'Asia".

Le cifre disponibili parlano chiaro. Dall'inizio dell'anno, le entrate legate al turismo a Parigi e in Ile-de-France sono già inferiori di un miliardo di euro rispetto all'anno precedente. In netto calo, secondo quanto scrive le Figaro, l'arrivo di turisti dall'estero, una tendenza certamente legata alla paura degli attentati terroristici. Nel complesso, sono almeno un milione le presenze in meno rispetto all'anno precedente e l'analisi dei dati relativi ai primi mesi dell'anno testimonia che neppure gli europei di calcio sono riusciti a frenare l'emorragia.

Il comitato regionale del turismo ha calcolato che a fine anno il calo complessivo rispetto all'anno precedente potrebbe essere di oltre un miliardo e mezzo di euro. Nel primo semestre il numero di visitatori a Parigi è sceso del 6,4%, con un calo più forte per gli stranieri (9,9%) rispetto ai francesi (3%).

Nel dettaglio, per quanto riguarda Parigi e tutta l'Ile-de-France, la grande fuga dei turisti può essere quantificata in questi termini: il calo, per quanto riguarda i giapponesi, è adirittura del 46,2%; notevole anche la fuga dei russi (meno 35%) e quella dei cinesi (19,6%). Molto più contenute le rinunce da parte degli americani (- 5,7%).

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4