lunedì 05 dicembre | 03:47
pubblicato il 08/mag/2013 11:49

Fotovoltaico: Gse, nel 2012 Italia 2* al mondo. Costo incentivi 6 mld

Fotovoltaico: Gse, nel 2012 Italia 2* al mondo. Costo incentivi 6 mld

(ASCA) - Roma, 8 mag - L'italia si conferma il secondo paese al mondo in termini di capacita' fotovoltaica in esercizio nel 2012. E' quanto emerge dal Rapporto Statistico sul solare fotovoltaico 2012 pubblicato dal Gestore dei Servizi Energetici sul proprio sito internet.

A fine 2012 sono in esercizio in Italia 478.331 impianti, per una potenza installata di 16.420 MW e 18.862 GWh di energia prodotta nell'anno.

''Il meccanismo del Conto Energia - sottolinea il Gestore - ha rappresentato il motore di questa crescita. I 475.851 impianti che ne usufruiscono hanno contribuito al 96% della produzione fotovoltaica dell'anno e ricevuto un incentivo dal GSE di circa 6 miliardi di euro nel solo 2012''.

Il documento, disponibile nell'area Statistiche del sito www.gse.it, ''e' corredato da dati, mappe e grafici sullo sviluppo del fotovoltaico nelle Regioni e nelle Province italiane, senza tralasciare il contesto internazionale nel quale si inserisce il nostro Paese che, con 148.135 nuove unita' installate nel 2012 e una potenza aggiuntiva di 3.646 MW, si conferma al secondo posto nel mondo per capacita' fotovoltaica totale in esercizio (16.420 MW), preceduta solo dalla Germania (32.278 MW)''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari