domenica 04 dicembre | 15:35
pubblicato il 08/ott/2013 16:02

Fondi Ue: Squinzi, serve sforzo straordinario. Non sprecare risorse

(ASCA) - Roma, 8 ott - ''Fattibilita' e rapidita' di esecuzione dovranno essere le due caratteristiche irrinunciabili degli interventi da mettere in campo. Quattro ambiti di applicazione appaiono prioritari: credito, investimenti delle imprese, riqualificazione del patrimonio pubblico, promozione dell'occupazione attraverso la riduzione del cuneo fiscale per le nuove assunzioni''.

Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, in audizione in commissione Politiche dell'Ue a Palazzo Madama, traccia la road map dei prossimi interventi da mettere in atto per l'uso dei fondi Ue, sottolineando che ''deve essere fatto ogni sforzo per immettere nel sistema economico i 28 miliardi di euro che ancora devono essere spesi. Non possiamo neppure immaginare di perdere anche un solo euro di queste risorse: in questa fase economica e della finanza pubblica, oltre ad essere economicamente uno spreco, non e' moralmente accettabile''.

Il leader degli industriali si dice ''convinto che, con uno sforzo davvero straordinario, cio' possa consentire, negli ultimi due anni a disposizione, una robusta accelerazione nell'utilizzo dei fondi, spingendo in maniera significativa la competitivita' del tessuto produttivo''.

drc/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari