venerdì 20 gennaio | 15:26
pubblicato il 24/ago/2013 13:18

Fondi Ue: progetto Abi per maggiore collaborazione tra banche e PA

(ASCA) - Roma, 24 ago - Ancora maggiore collaborazione con la Pubblica Amministrazione e le Istituzioni locali per individuare i canali e gli strumenti piu' efficaci e rendere piu' agevole, attraverso un supporto operativo concreto da parte del settore bancario e delle banche sul territorio, l'uso dei fondi strutturali europei disponibili. E' quanto si prefigge l'Abi, che ha realizzato a questo scopo il progetto ''Banche 2020''.

Grazie al progetto, messo a punto dall'Abi con le banche, e' stata realizzata - fa sapere una nota - una piattaforma con tutte le informazioni sulle opportunita' derivanti da un impiego diretto dei fondi europei, utili ai gruppi bancari italiani e alle imprese loro clienti. Le banche, inoltre, sono state messe in condizioni di organizzare un servizio di supporto specializzato per le aziende con progetti finanziabili attraverso le risorse comunitarie gestite direttamente dalla Commissione o cofinanziate e gestite a livello territoriale.

Il settore bancario, tradizionalmente impegnato al fianco della P.A., partecipa infine attivamente anche al processo di strutturazione delle misure di intervento agevolativo a livello nazionale, in una logica di consulenza e di co-finanziamento degli interventi.

Per quanto riguarda il sostegno sul territorio, sono state individuate quattro regioni pilota (Friuli-Venezia Giulia, Campania, Sicilia e Puglia), dove realizzare una vera e propria task force per svolgere, d'intesa con le Commissioni Regionali Abi, un ruolo ancora piu' proattivo nei confronti delle Amministrazioni locali. L'obiettivo e' accelerare l'attuazione dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali 2007-2013, anche attraverso la rimodulazione dei programmi operativi che presentano maggiori difficolta' di spesa e conseguente rischio di disimpegno delle risorse da parte dell'Unione europea, e partecipare alla programmazione, attuazione e monitoraggio dei nuovi programmi operativi dei fondi strutturali 2014-2020.

Per quanto riguarda l'entita' dei fondi, l'associazione delle banche italiane ricorda che si tratta in particolare di circa 31 miliardi, pari al 63% del totale delle risorse assegnate, ancora da impiegare per la programmazione 2007-2013, e di 30 miliardi destinati alla Politica di Coesione italiana per il 2014-2020.

com-sam/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"