martedì 28 febbraio | 12:13
pubblicato il 24/ago/2013 13:18

Fondi Ue: progetto Abi per maggiore collaborazione tra banche e PA

(ASCA) - Roma, 24 ago - Ancora maggiore collaborazione con la Pubblica Amministrazione e le Istituzioni locali per individuare i canali e gli strumenti piu' efficaci e rendere piu' agevole, attraverso un supporto operativo concreto da parte del settore bancario e delle banche sul territorio, l'uso dei fondi strutturali europei disponibili. E' quanto si prefigge l'Abi, che ha realizzato a questo scopo il progetto ''Banche 2020''.

Grazie al progetto, messo a punto dall'Abi con le banche, e' stata realizzata - fa sapere una nota - una piattaforma con tutte le informazioni sulle opportunita' derivanti da un impiego diretto dei fondi europei, utili ai gruppi bancari italiani e alle imprese loro clienti. Le banche, inoltre, sono state messe in condizioni di organizzare un servizio di supporto specializzato per le aziende con progetti finanziabili attraverso le risorse comunitarie gestite direttamente dalla Commissione o cofinanziate e gestite a livello territoriale.

Il settore bancario, tradizionalmente impegnato al fianco della P.A., partecipa infine attivamente anche al processo di strutturazione delle misure di intervento agevolativo a livello nazionale, in una logica di consulenza e di co-finanziamento degli interventi.

Per quanto riguarda il sostegno sul territorio, sono state individuate quattro regioni pilota (Friuli-Venezia Giulia, Campania, Sicilia e Puglia), dove realizzare una vera e propria task force per svolgere, d'intesa con le Commissioni Regionali Abi, un ruolo ancora piu' proattivo nei confronti delle Amministrazioni locali. L'obiettivo e' accelerare l'attuazione dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali 2007-2013, anche attraverso la rimodulazione dei programmi operativi che presentano maggiori difficolta' di spesa e conseguente rischio di disimpegno delle risorse da parte dell'Unione europea, e partecipare alla programmazione, attuazione e monitoraggio dei nuovi programmi operativi dei fondi strutturali 2014-2020.

Per quanto riguarda l'entita' dei fondi, l'associazione delle banche italiane ricorda che si tratta in particolare di circa 31 miliardi, pari al 63% del totale delle risorse assegnate, ancora da impiegare per la programmazione 2007-2013, e di 30 miliardi destinati alla Politica di Coesione italiana per il 2014-2020.

com-sam/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Ilva
Ilva: accordo per Cigs, coinvolti 3.300 lavoratori
Piaggio
Piaggio accelera: nel 2016 utile sale a 14 milioni (+18,3%)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech