martedì 28 febbraio | 15:38
pubblicato il 27/dic/2013 14:46

Fondi Ue: D'Alia, riallocazione disoccupati sfida culturale per PA

(ASCA) - Roma, 27 dic - ''Tra i molti importanti interventi approvati oggi dal governo a sostegno delle fasce piu' deboli del nostro Paese riveste particolare significato lo stanziamento di 350 milioni di euro per la ricollocazione dei disoccupati''. Cosi' Gianpiero D'Alia, ministro per la Pa e la Semplificazione, commenta l'approvazione in Consiglio dei Ministri delle norme per la riallocazione di fondi Ue a sostegno di lavoro e occupazione.

''E' una misura innovativa che interessa anche una larga fetta del precariato nelle Pa - prosegue il ministro -: ora infatti le Regioni potranno formare e spostare nel settore privato, con una serie di incentivi, una parte di lavoratori precari delle pubbliche amministrazioni che altrimenti non avrebbero prospettive. E' una norma che rappresenta anche una sfida culturale alla quale ritengo nessuno, penso in particolare alle regioni del sud, possa sottrarsi''. com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Taxi
Taxi, Cgia Mestre: in Italia i costi di gestione più alti dell'Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech