lunedì 27 febbraio | 06:18
pubblicato il 17/lug/2013 16:07

Fondazioni:nel 2012 patrimonio cala a 42,1 mld. Risultato gestione +127%

(ASCA) - Roma, 17 lug - A fine dicembre 2012 il valore del patrimonio delle 88 Fondazioni di origine bancaria ammonta a 42,183 miliardi di euro, pari all'82,7% dell'attivo (51 miliardi), facendo registrare un decremento del 2% rispetto all'anno precedente, per un importo di circa 851 milioni di euro, da attribuire per il 77% a una sola Fondazione, che ha operato una svalutazione funzionale alle condizioni di contesto. La struttura generale degli investimenti non e' mutata rispetto all'anno precedente e l'attivo e' costituito per circa il 96% da attivita' finanziarie, mentre le immobilizzazioni materiali e immateriali rappresentano solo il 3,7%. Lo comunica l'Acri.

Il totale dei proventi complessivamente conseguiti registra una crescita significativa (+24,1%), attestandosi a quota a 1.535,6 milioni di euro (1.236,9 milioni nel 2011). Nel 2012 la redditivita' netta media del patrimonio delle Fondazioni e' stata del 3,6% in sensibile miglioramento rispetto al 2011 (2,7%).

Gli oneri di gestione totali si sono ridotti del 44%, passando a 410,7 milioni di euro dai 731 del 2011. Per quanto riguarda, invece, il carico fiscale si e' registrato un ulteriore aumento (+29,5%; nel 2011 c'era gia' stato un incremento del 20%). Il combinato disposto di maggiori proventi e minori oneri ha generato un risultato di gestione molto positivo, pari a 1.069,7 milioni di euro: +127,3% rispetto ai 470,6 milioni del 2011. Tuttavia le erogazioni deliberate - a cui viene destinata una parte dell'avanzo di gestione al netto di costi, imposte e tasse e degli accantonamenti a riserva per la salvaguardia del patrimonio - non hanno avuto un andamento proporzionale, attestandosi a quota 965,8 milioni di euro (1.092,5 nel 2011, -11,6%). Per quanto riguarda la distribuzione delle erogazioni (che vengono sempre destinate a soggetti non profit: nel 2012 il 69,1% e' andato a enti privati e il 30,9% a enti pubblici) i sette settori nei quali tradizionalmente si concentra il maggior volume delle risorse rafforzano il loro primato, raccogliendo nel loro insieme il 95,3% dei contributi totali (nel 2011 era stato 93,7% ). Si tratta di Arte, attivita' e beni culturali (31,6% del totale erogato), Educazione, istruzione e formazione (15%), Assistenza sociale (12,9%), Ricerca (12,3%), Volontariato, filantropia e beneficienza (12,1%), Sviluppo locale (5,7% ), Salute pubblica (5,7%). E' significativo che al welfare, che raccoglie i settori di Assistenza sociale, Salute pubblica e Volontariato, sia stato destinato quasi il 31% delle erogazioni, pari a 296,4 milioni di euro, per interventi non sostitutivi dei servizi pubblici.

Nel periodo 2000-2012, le Fondazioni hanno erogato risorse per complessivi 16,6 miliardi di euro e accantonato ulteriori risorse per l'attivita' erogativa futura per circa 1,9 miliardi di euro, per un totale di 18,5 miliardi di euro, assolvendo agli obblighi di salvaguardia del patrimonio.

com-men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech