venerdì 20 gennaio | 23:37
pubblicato il 09/gen/2015 19:23

Fnsi e Cdr agenzie di stampa chiedono incontri a Governo e Fieg

Necessario confronto in tempi brevi su prospettive del settore

Fnsi e Cdr agenzie di stampa chiedono incontri a Governo e Fieg

Roma, 9 gen. (askanews) - La Fnsi e il Coordinamento nazionale dei comitati di redazione delle agenzie di stampa, riuniti oggi a Roma, ritengono necessario in tempi brevi un confronto con il Governo e con gli editori, nella loro rappresentanza imprenditoriale, sulle prospettive del settore. E a questo scopo, recita un comunicato della Fnsi, reputano necessario un incontro con il sottosegretario all'Editoria Luca Lotti e la Fieg, sui cui tavoli sono presenti ipotesi di revisione dei rapporti con il sistema pubblico, su cui dovrà essere misurata però la volontà di promozione e di investimento in nuovi modelli di sviluppo.

La riqualificazione dei contratti pubblici di servizio, che alimenta buona parte dei conti delle agenzie, non può andare a discapito del pluralismo dell'informazione, che nelle agenzie stesse ha una radice primaria in quanto orienta il corso interpretativo delle notizie e dei fatti, né dell'occupazione professionale. I tagli annunciati in "linea di contenimento e recupero" dal Sottosegretario, sulle iniziali previsioni più negative, insieme con l'avviso di un nuovo quadro di indirizzi entro il prossimo mese di marzo, sono una condizione utile per una valutazione responsabile delle cose da fare.

I segnali del Governo preannunciati in direzione di un piano di riforma delle convenzioni con queste imprese editoriali necessitano, come del resto ha detto il 23 dicembre scorso il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, della "massima concertazione e del massimo coinvolgimento".

Il neonato Coordinamento nazionale dei comitati di redazione delle agenzie di stampa in seno alla Fnsi è impegnato, in una linea di continuità a ragionare attentamente su processi di riorganizzazione e riforma che tengano conto della pluralità delle esperienze, della qualità e della quantità del lavoro professionale, di standard adeguati di occupazione regolare e delle progettualità innovative.

Operare con chiarezza e responsabilità è un imperativo per tutti e nessuna parte potrà essere tenuta fuori da questo processo. Alla Fieg, inoltre, il Coordinamento dei Cdr delle agenzie di stampa chiede un confronto di quadro e sviluppo prospettico del sistema agenzie in relazione ai modelli editoriali, di business, di assetto e di organizzazione economica e professionale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4