mercoledì 07 dicembre | 19:29
pubblicato il 09/gen/2015 19:23

Fnsi e Cdr agenzie di stampa chiedono incontri a Governo e Fieg

Necessario confronto in tempi brevi su prospettive del settore

Fnsi e Cdr agenzie di stampa chiedono incontri a Governo e Fieg

Roma, 9 gen. (askanews) - La Fnsi e il Coordinamento nazionale dei comitati di redazione delle agenzie di stampa, riuniti oggi a Roma, ritengono necessario in tempi brevi un confronto con il Governo e con gli editori, nella loro rappresentanza imprenditoriale, sulle prospettive del settore. E a questo scopo, recita un comunicato della Fnsi, reputano necessario un incontro con il sottosegretario all'Editoria Luca Lotti e la Fieg, sui cui tavoli sono presenti ipotesi di revisione dei rapporti con il sistema pubblico, su cui dovrà essere misurata però la volontà di promozione e di investimento in nuovi modelli di sviluppo.

La riqualificazione dei contratti pubblici di servizio, che alimenta buona parte dei conti delle agenzie, non può andare a discapito del pluralismo dell'informazione, che nelle agenzie stesse ha una radice primaria in quanto orienta il corso interpretativo delle notizie e dei fatti, né dell'occupazione professionale. I tagli annunciati in "linea di contenimento e recupero" dal Sottosegretario, sulle iniziali previsioni più negative, insieme con l'avviso di un nuovo quadro di indirizzi entro il prossimo mese di marzo, sono una condizione utile per una valutazione responsabile delle cose da fare.

I segnali del Governo preannunciati in direzione di un piano di riforma delle convenzioni con queste imprese editoriali necessitano, come del resto ha detto il 23 dicembre scorso il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, della "massima concertazione e del massimo coinvolgimento".

Il neonato Coordinamento nazionale dei comitati di redazione delle agenzie di stampa in seno alla Fnsi è impegnato, in una linea di continuità a ragionare attentamente su processi di riorganizzazione e riforma che tengano conto della pluralità delle esperienze, della qualità e della quantità del lavoro professionale, di standard adeguati di occupazione regolare e delle progettualità innovative.

Operare con chiarezza e responsabilità è un imperativo per tutti e nessuna parte potrà essere tenuta fuori da questo processo. Alla Fieg, inoltre, il Coordinamento dei Cdr delle agenzie di stampa chiede un confronto di quadro e sviluppo prospettico del sistema agenzie in relazione ai modelli editoriali, di business, di assetto e di organizzazione economica e professionale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni