venerdì 09 dicembre | 03:46
pubblicato il 22/lug/2014 17:01

Fmi: tra i ''Giips'' costo del lavoro aumentato solo in Italia (+5%)

(ASCA) - Roma, 22 lug 2014 - Tra i ''Giips'' (zingari), il nuovo malizioso acronimo britannico, nato per individuare i paesi problematici dell'Eurozona (Grecia, Italia, Irlanda, Portogallo e Spagna), solo in Italia e' aumentato il costo unitario del lavoro.

E' quanto emerge da un lavoro del Fondo monetario internazionale dal titolo: ''Aggiustamenti nei paesi in deficit dell'Eurozona: progressi, sfide e politiche''. Il rapporto esamina le tendenze del costo del lavoro dal 4* trimestre del 2008 al 2* trimestre dello scorso anno.

Tra i Giips, in Italia ''il costo unitario del lavoro e' aumentato (+5%) mentre la produttivita' e' rimasta stabile'' e' scritto nel rapporto.

In Irlanda il costo del lavoro e' sceso del 15-20%, in Spagna e Portogallo del 5-10%, in Grecia tra il 15-20%.

men/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni