lunedì 27 febbraio | 12:27
pubblicato il 22/lug/2014 17:01

Fmi: tra i ''Giips'' costo del lavoro aumentato solo in Italia (+5%)

(ASCA) - Roma, 22 lug 2014 - Tra i ''Giips'' (zingari), il nuovo malizioso acronimo britannico, nato per individuare i paesi problematici dell'Eurozona (Grecia, Italia, Irlanda, Portogallo e Spagna), solo in Italia e' aumentato il costo unitario del lavoro.

E' quanto emerge da un lavoro del Fondo monetario internazionale dal titolo: ''Aggiustamenti nei paesi in deficit dell'Eurozona: progressi, sfide e politiche''. Il rapporto esamina le tendenze del costo del lavoro dal 4* trimestre del 2008 al 2* trimestre dello scorso anno.

Tra i Giips, in Italia ''il costo unitario del lavoro e' aumentato (+5%) mentre la produttivita' e' rimasta stabile'' e' scritto nel rapporto.

In Irlanda il costo del lavoro e' sceso del 15-20%, in Spagna e Portogallo del 5-10%, in Grecia tra il 15-20%.

men/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech