sabato 10 dicembre | 06:08
pubblicato il 15/apr/2016 18:55

Fmi, su impatto chiusura frontiere Austria nessuno studio in corso

Thomsen: in generale impatto negativo su fiducia che dobbiamo prendere

Fmi, su impatto chiusura frontiere Austria nessuno studio in corso

Washington, 15 apr. (askanews) - Il Fondo Monetario Internazionale per ora non sta studiando l'impatto economico sull'eurozona connesso alla chiusura di frontiere di Paesi che aderiscono al trattato di Schengen, come ha minacciato di fare l'Austria nei confronti della frontiera dell'Italia. Lo ha detto il responsabile del dipartimento europeo del Fmi, Poul Thomsen, rispondendo a una domanda di Askanews.

"Noi non stiamo intraprendendo alcun concreto studio in questo momento. Ma - ha aggiunto - parte dei rischi legati alla reazione al problema dei rifugiati ha un impatto negativo sul clima politico e più in generale sulla fiducia ed è dunque qualcosa che ovviamente dobbiamo prendere in considerazione. Ma il dipartimento europeo non sta studiando questo fenomeno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina