domenica 22 gennaio | 01:33
pubblicato il 15/apr/2016 18:55

Fmi, su impatto chiusura frontiere Austria nessuno studio in corso

Thomsen: in generale impatto negativo su fiducia che dobbiamo prendere

Fmi, su impatto chiusura frontiere Austria nessuno studio in corso

Washington, 15 apr. (askanews) - Il Fondo Monetario Internazionale per ora non sta studiando l'impatto economico sull'eurozona connesso alla chiusura di frontiere di Paesi che aderiscono al trattato di Schengen, come ha minacciato di fare l'Austria nei confronti della frontiera dell'Italia. Lo ha detto il responsabile del dipartimento europeo del Fmi, Poul Thomsen, rispondendo a una domanda di Askanews.

"Noi non stiamo intraprendendo alcun concreto studio in questo momento. Ma - ha aggiunto - parte dei rischi legati alla reazione al problema dei rifugiati ha un impatto negativo sul clima politico e più in generale sulla fiducia ed è dunque qualcosa che ovviamente dobbiamo prendere in considerazione. Ma il dipartimento europeo non sta studiando questo fenomeno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4