venerdì 02 dicembre | 19:53
pubblicato il 27/mar/2013 12:00

Fmi/ Promuove le banche italiane, "notevole resistenza" a crisi

Non immuni da rischi. Bene vigilanza. Più attenzione a fondazioni

Fmi/ Promuove le banche italiane, "notevole resistenza" a crisi

Roma, 27 mar. (askanews) - Il Fondo monetario internazionale promuove il sistema finanziario dell'Italia: ha dimostrato "una notevole resistenza" alla prolungata crisi, mentre gli stress test sulle banche suggeriscono come queste siano in grado di sopportare "sia a uno scenario di shock concentrati, che uno di bassa crescita". Giudizi positivi, assieme a richiami sul permanere di rischi e sulla necessità di effettuare "interventi mirati" per rafforzare ulteriormente le banche, che l'istituzione di Washington ha inserito in un rapporto preliminare stilato al termine di una missione di valutazione sul sistema finanziario italiano. Decisamente positivo il giudizio sulla vigilanza operata dalla Banca d'Italia, mentre secondo il Fmi bisogna rafforzare i poteri delle autorità dando loro anche quello di rimuovere manager e componenti dei Cda. In Italia, "a differenza di quanto avvenuto in altri paesi - si legge - i requisiti di adeguatezza patrimoniali sono stati raggiunti con modesti apporti da parte dello Stato". E le stime suggeriscono che l'entrata a regime delle regole rafforzate di Basilea III sulle basi patrimoniali vedrebbe il sistema bancario italiano disporre, come insieme, di "margini confortevoli". Il Fmi rileva anche come la "solida vigilanza" operata dalle autorità sul settore rappresenti "un pilastro" della stabilità finanziaria nella penisola, che dispone di un meccanismo di gestione delle crisi bancarie "efficiente". Inoltre ulteriore supporto è giunto grazie all'espansione degli strumenti di apporto di liquidità da parte della Bce. Tuttavia, "per quanto stabilizzato il sistema non è immune da rischi", dice ancora il Fmi, citando in particolare la protratta debolezza economica e i legami con i titoli di Stato. La crisi si riflette in bassa redditività e qualità del credito in peggioramento. Possono servire "azioni mirate" per migliorare ulteriormente le difese delle banche italiane, per esempio puntando a migliorare efficienza e redditività, o al rafforzamento delle basi patrimoniali ove necessario.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari