sabato 10 dicembre | 23:49
pubblicato il 16/apr/2013 12:00

Fmi/ Nel 2013 Pil Spagna, Portogallo e Grecia peggio dell'Italia

World Economic Outlook: la Germania tiene, Francia peggiora

Fmi/ Nel 2013 Pil Spagna, Portogallo e Grecia peggio dell'Italia

New York, 16 apr. (askanews) - La crescita dell'economia italiana nel 2013 così come attesa dal Fondo Monetario Internazionale non è promettente, ma nell'Eurozona c'è chi farà peggio. Analizzando le tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'istituto di Washington, emerge che il calo dell'1,5% del Pil atteso in Italia per quest'anno è leggermente più contenuto rispetto al -1,6% atteso per la Spagna (dato rivisto al ribasso dello 0,1% rispetto alle stime fornite a gennaio). Il Pil di Madrid però crescerà dello 0,2% di più di quello italiano nel 2014 portandosi a un +0,7% (risultato ritoccato all'ingiù dello 0,1%). Secondo il Fmi, il Portogallo quest'anno registrerà un'economia in contrazione del 2,3% mentre la Grecia vedrà un -4,2%. In entrambi i Paesi, il Pil dell'anno prossimo è visto a un +0,6%. Le prospettive della disoccupazione in Spagna, Portogallo e Grecia risultano decisamente peggiori rispetto a quelle dell'Italia, per quanto già non invidiabili: solo nel 2013 il tasso è visto nell'ordine al 27%, al 18,2% e al 27%. Per quanto riguarda la Germania, le prospettive per la crescita economica sono state migliorate dello 0,1% rispetto a gennaio a un +0,6% per quest'anno mentre sono rimaste invariate per l'anno prossimo, quando il Pil è atteso aumentare dell'1,5%. La disoccupazione nella cosiddetta locomotiva d'Europa è vista poco mossa rispetto al 2012, con un tasso stimato al 5,7% quest'anno e al 5,6% l'anno prossimo. Peggiorate - dello 0,4% - le previsione del Pil per la Francia, atteso in calo dello 0,1% quest'anno. Anche in questo caso, i calcoli del Fondo per l'anno prossimo sono rimasti invariati: il Pil francesce è visto in aumento dello 0,9%. Il tasso di disoccupazione è invece visto per Parigi all'11,2% nel 2013 e all'11,6 nel 2013, in aumento dal 10,2% dell'anno scorso. Nessuna stima è stata fornita per Cipro "per via della crisi in corso" nel Paese, vista come un rischio nel breve termine per l'Area Euro così come l'incertezza politica in Italia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina