venerdì 20 gennaio | 02:40
pubblicato il 19/lug/2016 15:08

Fmi lima stime Pil Italia e globali, più pesante su Gb con Brexit

E tra gli altri fattori di rischio cita irrisolti problemi banche

Fmi lima stime Pil Italia e globali, più pesante su Gb con Brexit

Roma, 19 lug. (askanews) - Limature alle previsioni di crescita economica italiane e globali dal Fondo monetario internazionale, con un taglio ben più consistente al Regno Unito a seguito del voto per la Brexit, e moniti sul settore bancario. Il voto britannico con le sue ripercussioni negative sopraggiunge in un contesto che annovera già altri possibili rischi, e nell'aggiornamento del world Economic Outlook il Fmi cita "i problemi irrisolti retaggio della crisi bancaria europea, in particolare sulle banche italiane e portoghesi".

Quanto alle cifre, sulla Penisola sono state effettuate leggere revisioni al ribasso sul biennio in corso. Un decimale di punto in meno, rispetto ai dati di aprile, sia sul 2016, per cui il Fmi stima un più 0,9 per cento del Pil, sia sul 2017 al più 1 per cento. Per l'economia globale l'istituzione prevede una crescita del 3,1 per cento quest'anno e del 3,4 per cento nel 2017: in entrambi i casi si tratta di 0,1 punti percentuali in meno rispetto ai dati del Weo di aprile.

Per l'area euro ora il Fmi pronostica un più 1,6 per cento del Pil complessivo sul 2016 e un più 1,4 per cento nel 2017. Se sull'anno in corso il dato è invariato quello del 2017 è stato tagliato di 0,2 punti. Anche più pesante i, taglio per la Germania: 0,4 punti in meno all'1,2 per cento sul 2017, laddove il 2016 è confermato al più 1,6 per cento.

Il taglio più consistente è ovviamente per il Regno Unito. Ora il Fmi pronostica un più 1,7 per cento del Pil britannico quest'anno, 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle stime dello scorso aprile, ma soprattutto un rallentamento all'1 per cento nel 2017: in questo caso la previsione è di 0,9 punti percentuali più bassa rispetto ad aprile.

Si tratta della maggiore revisione al ribasso tra quelle operate sui vari Paesi, rileva lo stesso Fmi nel documento. "Ci si attende - si legge - che l'aumento di incertezza a seguito del referendum indebolisca in maniera significativa la domanda interna. L'esito del voto nel Regno Unito, che ha colto di sorpresa i mercati finanziari globali, implica il materializzarsi di un importante rischio al ribasso per l'economia mondiale", afferma il Fmi.

Le revisioni sulle stime di crescita "riflettono le attese conseguenze macroeconomiche derivanti dal cospicuo aumento dell'incertezza, che incluse il versante politico. Questa incertezza - aggiunge il Fmi - avrà un impatto su fiducia e investimenti, anche tramite i canali dei mercati".

Ai richi sovra menzionati si aggiungono le possibili "protratte turbolenze nei mercati e l'aumento dell'avversione al rischio". Secondo l'istituzione di Washington possono avere "gravi ricadute macroeconomiche, anche tramite l'intensificarsi del dissesto delle banche specialmente nelle economie vulnerabili". Un altro capitolo di rischio è quello legato "alle divisioni politiche nei Paesi avanzati", specialmente nell'affrontare problemi come la crisi dei rifugiati. Infine, ma non ultimo, il Fondo ricorda il rischio legato al terrorismo globale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale