sabato 03 dicembre | 20:44
pubblicato il 28/ago/2014 16:55

Fmi: Lagarde al lavoro, presto riunione board su caso Tapie

Numero uno del Fondo sotto inchiesta in Francia per negligenza (ASCA) - New York, 28 ago 2014 - Dopo che due giorni fa e' stata ascoltata per la quarta volta dai magistrati francesi della Corte di giustizia della repubblica - organismo abilitato a indagare su esponenti del governo per fatti commessi nell'esercizio delle loro funzioni - il numero uno del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, "e' tornata al lavoro" a Washington. Lo ha detto Gerry Rice, direttore della comunicazione del Fondo, nell'incontro bisettimanale con la stampa. Riferendosi alla spinosa vicenda dell'arbitrato tra Bernard Tapie e Cre'dit Lyonnaise - in cui Lagarde e' stata messa sotto inchiesta per la "negligenza" avvenuta quando era ministro francese delle Finanze - Rice ha precisato: "non c'e' un'incriminazione ma solo accuse".

Ricordando quanto sostenuto ieri dai legali di Lagarde, che hanno parlato di "accuse infondate", il direttore della comunicazione del Fondo ha spiegato che il board si riunira' "molto presto" per discutere della vicenda, come gia' fatto in piu' occasioni in passato. Lagarde non lascia il ruolo assunto con le dimissioni del connazionale Dominique Strauss-Kahn, travolto da uno scandalo sessuale.

A24-Spa

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari