domenica 11 dicembre | 13:07
pubblicato il 12/apr/2016 15:00

Fmi, Italia cresce meno del previsto: 1% in 2016, 1,1% in 2017

Ma disoccupazione cala in media euro:un punto in biennio a 10,9%

Fmi, Italia cresce meno del previsto: 1% in 2016, 1,1% in 2017

Washington, 12 apr. (askanews) - L'economia italiana mostra una crescita "più debole del previsto" e nel 2016 registrerà un incremento del Pil limitato all'1% che salirà marginalmente, all'1,1% l'anno prossimo. La disoccupazione, tuttavia, continuerà a diminuire in misura visibile, con un calo che nel biennio è quantificato in un punto percentuale passando dall'11,9% registrato lo scorso anno, al 10,9% previsto per il 2017 con un passaggio all'11,4% quest'anno: si tratta di un calo di dimensioni analoghe a quello dell'Eurozona, che toccherà il 9,9% nel 2017. E' la previsione del Fondo Monetario Internazionale che, nell'ultimo World Economic Outlook - presentato a Washington - si mostra più pessimista del Governo, che venerdì scorso, nell'ultimo Documento di economia e finanza (Def) , aveva attestato le stime di crescita del Pil rispettivamente all'1,2% e all'1,4%.

Il caso italiano non è comunque isolato nel contesto della zona euro, che nel suo complesso ha registrato un taglio delle stime rispetto a gennaio e dove si prevede che la "modesta ripresa continui nel 2016-2017 , con l'indebolimento della domanda esterna compensato dai prezzi dell'energia più bassi, da una modesta espansione fiscale e da condizioni finanziarie di sostegno". Se la crescita media dell'area euro è prevista al +1,5% per quest'anno e al +1,6% per il prossimo, anche per le altre maggiori economie di Eurolandia si prevedono incrementi "modesti": dall'1,5% e 1,6% della Germania, all'1,1% e 1,3% della Francia. Unica eccezione notevole la Spagna, per la quale gli economisti di Washington stimano una crescita rispettivamente pari al 2,6% e al 2,3%.

Nell'ambito dei paesi avanzati l'Italia - secondo gli economisti del Fondo Monetario - rientra in quel plotone di Paesi, insieme a Canada, Germania e Stati Uniti, dove nel 2016 si verificherà una politica del bilancio "in qualche misura espansiva", mentre politiche di segno opposto si stanno verificando in Giappone, Spagna e Regno Unito.

Il Fondo Monetario si rivela meno ottimista del Governo di Roma anche sul versante del deficit pubblico e del debito: l'indebitamento netto italiano viene valutato al 2,7% del Pil quest'anno e all'1,6% a fronte del 2,3% e dell'1,8% rispettivamente contenuti nel Def. Il Fondo, a differenza del Governo, prevede che quest'anno il debito pubblico italiano continuerà a salire, passando al 133% (132,4% la stima del Def) del Pil per poi calare a partire dal 2017 a quota 131,7% (130,9% prevede il governo).

Ancora buone notizie, invece, dal versante della bilancia commerciale e dei servizi: l'attivo corrente italiano secondo l'Outlook resterà consistente sia quest'anno (2,3% del Pil) sia il prossimo (2%) anche se resta distantissimo da quello registrato dalla Germania (rispettivamente pari all'8,4% e all'8%) che secondo molti economisti resta uno dei maggiori fattori di distorsione interni all'area euro.

Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina