lunedì 05 dicembre | 10:33
pubblicato il 08/ott/2013 12:00

Fmi: economia Area Euro scende a -0,4% nel 2013, +1% in 2014

E' quanto prevede il World Economic Outlook elaborato dal Fondo

Fmi: economia Area Euro scende a -0,4% nel 2013, +1% in 2014

New York, 8 ott. (askanews) - L'economia dell'Area Euro si contrarrà quest'anno dello 0,4% ma si espanderà dell'1% nel 2014. E'quanto previsto dal World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale del Fondo monetario internazionale. Rispetto agli aggiornamenti forniti lo scorso luglio al precendente WEO, le stime dell'istituto guidato da Christine Lagarde per il 2013 sono state oggi così riviste al rialzo dello 0,1%. Risultano invece invariate quelle per l'anno prossimo. Nell'Eurozona, spiega il documento, "indicatori sulla fiducia delle aziende suggeriscono che l'attività [economica] è prossima a una stabilizzazione nei Paesi periferici e si sta già riprendendo in quelli core". Nel 2014, continua il WEO, è prevista una riduzione più sostanziale del passo della stretta fiscale (a meno di mezzo punto percentuale del Prodotto interno lordo da circa l'1% del Pil del 2013). Secondo l'Fmi però il sostegno dato da un allentamento fiscale è "mitigato da condizioni creditizie limitate nella periferia" dell'Eurozona.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari