sabato 03 dicembre | 10:44
pubblicato il 27/ago/2014 17:13

Fmi, Blanchard: in Eurozona c'e' ancora rischio deflazione

Angoli oscuri dove malfunzionamento economia notevole (ASCA) - New York, 27 ago 2014 - Il "rischio di deflazione e' ancora chiaramente presente nell'Eurozona e in alcuni Paesi della zona euro e' una realta'". Lo ha scritto Olivier Blanchard, capo economista del Fondo monetario internazionale, in un articolo su Finance & Development, pubblicazione trimestrale dell'istituto di Washington.

Secondo l'economista, la recente crisi finanziaria "ci ha insegnato a prestare attenzione agli angoli oscuri, dove il malfunzionamento dell'economia puo' essere notevole". Per questo, "per lungo tempo a venire, una delle priorita' della politica macroeconomica sara' riportare il debito in modo lento ma continuo a livelli meno pericolosi, in modo da allontanarsi dagli angoli bui", ha scritto ancora Blanchard.

Inoltre, ha scritto ancora, mentre le banche centrali hanno cercato di sotenere l'attivita' economica agendo sui tassi di interesse, non sono riuscite ad aumentare le aspettative sull'inflazione. A24-Ars

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari