martedì 28 febbraio | 05:00
pubblicato il 16/mag/2012 14:13

Fmi/ banche italiane solide, ma vulnerabili su sofferenze

Ridurre crediti a rischio per aumentare finanziamenti a economia

Fmi/ banche italiane solide, ma vulnerabili su sofferenze

Roma, 16 mag. (askanews) - Le banche italiane continuano a beneficiare dalla loro "ampia e stabile" base di provvista di fondi al dettaglio e dalla loro limitata esposizione ad attività rischiose. Ma sono allo stesso tempo "vulnerabili" alle preoccupazioni sulle prospettive economiche con un livello di crediti problematici che è cresciuto all'11% del totale nel 2011 da meno del 6% durante la crisi. E' il giudizio del Fondo Monetario Internazionale che nel rapporto conclusivo della missione annuale in Italia sottolinea come gli istituti di credito siano diventati più esposti al rallentamento dell'economia e aggiungendo che una riduzione dei crediti libererebbe risorse per nuovi finanziamenti all'economia

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech