venerdì 24 febbraio | 11:57
pubblicato il 06/ott/2015 16:01

Fmi alza previsioni crescita Italia, migliorano conti e lavoro

Crescita 2015 allo 0,8%, 2016 +1,3%, disoccupati 2016 sotto 12%

Fmi alza previsioni crescita Italia, migliorano conti e lavoro

Roma, 6 ott. (askanews) - Il Fondo monetario internazionale ha nuovamente ritoccato al rialzo le previsioni di crescita economica dell'Italia. Appena di un decimale di punto, sia sul 2015, per cui ora stima una crescita dello 0,8 per cento, sia sul prossimo anno per cui stima una accelerazione al più 1,3 per cento. Si tratta però di uno dei pochi casi di revisione al rialzo nel World Economic Outlook - il rapporto semestrale presentato in occasione delle assemblee autunnali con la Banca Mondiale - laddove in generale sono state effettuate revisioni al ribasso.

Le previsioni di crescita globale sono state tagliate di 0,2 punti su entrambi gli anni, al più 3,1 per cento sul 2015 e al più 3,6 per cento sul 2016. L'Italia è l'unico dei grandi Paesi dell'area euro su cui sia stata effettuata una revisione al rialzo, rispetto alle stime aggiornate nel luglio scorso, peraltro sulla Germania il Fmi ha tagliato le previsioni di 0,1 punti, al più 1,5 per cento quest'anno e al più 1,6 per cento nel 2016.

"Nell'area euro la ripresa è risultata ampiamente in linea con le previsioni, con andamenti più forti del previsto in Italia e specialmente in Spagna e Irlanda - afferma l'istituzione nello studio - che hanno bilanciato la crescita inferiore alle attese in Germania". L'Italia comunque non sfugge ad un contesto globale in cui i rischi di indebolimento della crescita sono aumentati, vuoi per la moderazione del gigante cinese, vuoi per la prospettive di una normalizzazione dei tassi e della politica monetaria espansiva negli Usa.

Ad ogni modo i miglioramenti della crescita si riflettono anche sul mercato del lavoro, con il Fmi che prevede una limatura del tasso di disoccupazione in Italia al 12,2 per cento nel 2015, dal 12,7 per cento del 2014, e un ulteriore calo all'11,9 per cento nel 2016. In generale per l'area euro è previsto un calo all'11 per cento quest'anno, dall'11,6 per cento del 2014, e al 10,5 per cento nel 2016.

Infine i conti pubblici, su cui l'Italia manterrà una dinamica di risanamento. Quest'anno il deficit di bilancio calerà al 2,7 per cento dal Pil, dal 3 per cento del 2014, e il prossimo segnerà una ulteriore riduzione al 2 per cento del Pil. Più a lungo termine, sul 20120 il Fmi si attende un sostanziale pareggio con un disavanzo ridotto allo 0,2 per cento del Pil. Il debito pubblico intanto segnerà un picco al 133,1 per cento quest'anno, per poi limarsi al 132,3 per cento sul 2016. In prospettiva 2012 l'istituzione si attende una riduzione al 123 per cento del Pil.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech