mercoledì 18 gennaio | 01:15
pubblicato il 12/lug/2016 07:01

Fmi: 360 mld Npl in banche Italia, aiuti di Stato non fattibili

Puntare su fusioni, procedure fallimentari e fondi come Atlante

Fmi: 360 mld Npl in banche Italia, aiuti di Stato non fattibili

Roma, 12 lug. (askanews) - Anche se di recente sembrano essersi stabilizzati, a quota 360 miliardi di euro gli elevati crediti deteriorati nelle banche italiane e il loro smaltimento rappresentano "una priorità", secondo il Fondo monetario internazionale. Tuttavia due delle possibili strade per risolvere la questione, l'inflazione e gli aiuti pubblici, "non appaiono fattibili" nell'area euro. Non resta quindi che procedere con un mix di misure che vanno dall'incoraggiamento delle fusioni, allo snellimento delle procedure di insolvenza, a interventi per la facilitare lo smaltimento delle sofferenze come il fondo Atlante.

Nei documenti approvati dall'executive board del Fmi a seguito della missione annuale nella Penisola, l'istituzione di Washington quantifica in 360 miliardi di euro i crediti deteriorati totali nelle banche italiane, pari al 18 per cento dei crediti totali.

Il tutto mentre la redditività delle banche stesse risulta "relativamente bassa rispetto alle altre banche europee, con una media del 3,1 per cento", sebbene i dati più recedenti abbiano mostrato un inizio di rafforzamento. "Riparare i bilanci delle banche è una priorità - afferma il Fmi - non ultimo per facilitare nuovi prestiti e sostenere la ripresa economica".

Normalmente questi aggiustamenti si effettuano con tre possibili strade: la crescita economica, che specialmente se alimentata dalle esportazioni migliora la capacità dei creditori delle banche di onorare i pagamenti. L'inflazione, che implicitamente riduce il valore degli indebitamenti. O infine gli aiuti pubblici al settore.

Ma secondo il Fmi "nell'area euro né l'inflazione né gli aiuti pubblici appaiono fattibili, mettendo l'onere su altri tipi di approcci volti a rafforzare il potere autocurativo di un settore bancario altamente ciclico e frammentato".

E questo secondo i documenti approvati dal Fmi significa facilitare le fusioni e spianare la strada a riduzioni dei costi, riformare le procedure di insolvenza e approntare altri meccanismi per assistere le banche. Su questo il Fmi cita il fondo Atlante per l'agevolazione dello smaltimento dei Non performing loans (Npl).

In ogni caso il fattore "cruciale" per il successo di questo tipo di approcci è "l'abilità delle banche di assorbire i costi delle riforme e creare dei margini patrimoniali per aumentare l'erogazione di credito e la loro resistenza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa