domenica 11 dicembre | 05:30
pubblicato il 27/apr/2012 17:58

Fitch: Italia pareggerà il bilancio nel 2014, Pil 2012 -1,7%

In linea con stime governo nel Def. Rischi insolvenza molto bassi

Fitch: Italia pareggerà il bilancio nel 2014, Pil 2012 -1,7%

Roma, 27 apr. (askanews) - L'agenzia di rating Fitch prevede che l'Italia riesca a riportare il bilancio in pareggio nel 2014, con un deficit praticamente azzerato: allo 0,1 per cento del Pil, una stima in linea con quella inserita dal governo nel Documento di economia e finanza. Ma già dal prossimo anno Fitch si attende una riduzione del disavanzo molto vicino all'obiettivo del pareggio: il deficit 2013 calerà allo 0,8 per cento del Pil, un rosso di appena 14 miliardi di euro. Stime inserite in un rapporto pubblicato oggi da Fitch sulle dinamiche delle finanze pubbliche nelle autonomie locali. All'Italia Fitch assegna un rating 'A-', che resta nella categoria più elevata dell'investment grade e corrisponde a probabilità molto basse sui rischi di insolvenza. Per quest'anno l'agenzia ha confermato la previsione di una recessione del Pil italiano dell'1,7 per cento, cui seguirà una dinamica piatta nel 2013 e una ripresa dell'1 per cento nel 2014. La spesa pubblica totale salirà dai 721 miliardi di euro del 2011 a 730 miliardi circa su 2012 e 2013 e poi a 743 miliardi nel 2014, ma le entrate totali aumenteranno da 745 miliardi di euro del 2011 a 831 miliardi nel 2014. L'agenzia si attende che tra Imu, aumenti di Iva salvo la "spending review", Irap, addizionare regionale sull'Irpef, e tasse su attività finanziarie lo Stato incassi 30 miliardi di euro di gettito fiscale in più a regime nel 2014. Il tutto porterà all'azzeramento del deficit, sul 2014 è atteso un passivo marginale ridotto a 2 miliardi di euro, posto che queste stime si basano sul presupposto che i rendimenti medi dei Btp italiani si stabilizzino attorno al 5 per cento, sulla media delle maggiori scadenze. In questo quadro gli enti locali stanno dando i loro contributi agli sforzi di risanamento grazie alla sovraccitata stabilizzazione del debito, con le regioni che dal 2007 hanno complessivamente riportato i bilanci vicini al pareggio, mentre i comuni hanno drasticamente ridotto i loro deficit. "In Italia il debito complessivo per mutui e prestiti obbligazionari di regioni, province e comuni si è stabilizzato dal 2007, prevalentemente a seguito del Patto di stabilità interno, e Fitch Ratings non prevede che nel medio termine si discosti dai circa 110 miliardi di euro attuali", ha spiegato a TM News Raffaele Carnevale, senior director di FitchRatings International Public Finance. "In questa fase, la stabilità del debito è un fattore positivo che compensa la compressione subita dalle autonomie locali sui margini di bilancio a seguito delle manovre di austerità. Questa stabilità fa sì che, pur soffrendo un po', la capacità di regioni, province e comuni di servire il debito resti elevata. E questo - ha aggiunto Carnevale - consente a molti di questi enti di mantenere rating allineati a quelli della Repubblica Italiana". A seguito dell'ultimo declassamento operato a inizio anno, all'Italia Fitch assegna un rating 'A-', con prospettive che restano negative sulle quali l'agenzia dovrebbe giungere ad una decisione entro 18-24 mesi partendo dal gennaio scorso. Il rating assegnato alla penisola corrisponde a probabilità di insolvenza che restano molto basse secondo le tabelle dell'agenzia, inferiori al 5 per cento sui prossimi 10 anni che corripondono al rating 'BBB'.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina