mercoledì 18 gennaio | 07:55
pubblicato il 24/ott/2015 08:06

Fitch conferma rating Italia a BBB+ con outlook stabile

Ma attenzione a debito pubblico e a Pil

Fitch conferma rating Italia a BBB+ con outlook stabile

New York, 24 ott. (askanews) - Fitch ha confermato il rating dell'Italia a BBB+ con outlook stabile. Secondo l'agenzia, la solvibilità dell'Italia è sostenuta da una "economia grande, di alto valore aggiunto e diversificata", ma anche da "un moderato livello di indebitamento privato e da un sistema pensionistico sostenibile". Tuttavia Fitch ha ancora una volta sottolineato che c'è del lavoro da fare sul debito pubblico, ritenuto troppo elevato, e sulla crescita, che è ancora troppo debole. Fitch sostiene che questi due dati siano fattori che lasciano l'Italia "altamente esposta a potenziali shock avversi", visto che il debito pubblico dovrebbe restare intorno al 120% fino alla fine di questo decennio dopo aver toccato nel 2014 il picco del 134%.

L'analisi di Fitch fa riferimento alla legge di stabilità del 2016 a cui il governo Renzi ha dato il via libera pochi giorni fa. L'agenzia sottolinea come la legge abbia come parte centrale i tagli alle tasse, tra cui l'eliminazione dell'imposta sulle prime case per arrivare alla rimozione delle clausole di salvaguardia che avrebbero provocato un innalzamento dell'Iva. Ma Fitch ricorda che la riforma della spesa pubblica "è meno ambiziosa di quanto fosse stato annunciato" in precedenza dal governo.

"I recenti dati - continua Fitch - mostrano che l'Italia è uscita da una profonda e protratta recessione quest'anno. La ripresa è sostenuta dal quantitative easing della Banca centrale europea, da un euro debole, da una forte fiducia e dai prezzi del petrolio bassi", si legge nella nota. Tuttavia, continuano gli analisti, "le nostre proiezioni di crescita del Pil dello 0,7% nel 2015 e dell'1,1% nel 2016 sono deboli rispetto a quelle di altri membri dell'eurozona, e il Pil reale è intorno ai livelli del 2000 e il 9% sotto il picco del 2008. Il Pil nominale invece è cresciuto con forza solo gradualmente, con una linea piatta tra il 2010 e il 2014". Come potrà l'Italia riuscire a portare a termine una riduzione significativa del debito? Secondo Fitch solo con una ripresa prolungata e un avanzo primario consistente. Da ultimo l'agenzia di rating internazionale ha parlato delle banche italiane che hanno "rafforzato i loro requisiti di capitale nonostante la prolungata recessione degli ultimi anni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa