lunedì 23 gennaio | 03:33
pubblicato il 27/apr/2013 12:00

Fisco/Coldiretti:Da aumento Iva ulteriore crollo vendite del 3,8%

"Effetti depressivi sui consumi"

Fisco/Coldiretti:Da aumento Iva ulteriore crollo vendite del 3,8%

Roma, 27 apr. (askanews) - "Occorre scongiurare l'aumento Iva previsto per il primo di luglio 2013 per evitare ulteriori effetti depressivi sulle vendite che al dettaglio sono già crollate del 3,8 per cento nel primo bimestre dell'anno, con un calo del 2,9 per cento per gli alimentari e del 4,3 per cento per i non alimentari". E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare l'analisi della Cgia di Mestre secondo la quale l'aumento dell'Iva costerà 103 euro a famiglia. "L'innalzamento dell'aliquota avrebbe ulteriori effetti depressivi sui consumi con risultati opposti a quelli che si intende ottenere sulle casse dello Stato. La Legge di stabilità - conclude la Coldiretti - ha posticipato l'aumento dell'Iva ordinaria dal 21% al 22% che scatterà dal primo luglio per alcuni prodotti di base come il vino che deve già fronteggiare un drammatico calo dei consumi interni che sono scesi a 22,6 milioni gli ettolitri nel 2012, il livello più basso dall'Unità d'Italia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4