lunedì 16 gennaio | 19:10
pubblicato il 12/mar/2014 19:57

Fisco: tassazione rendite finanziarie da 6 a 11 mld in 2 anni

Fisco: tassazione rendite finanziarie da 6 a 11 mld in 2 anni

(ASCA) - Roma, 12 mar 2014 - Se verra' approvato dal parlamento l'aumento della tassazione sulle rendite finanziarie dal 20 al 26% pone l'Italia allineata alla media europea e comunque con un'aliquota inferiore alle principali economie dell'Unione Europea. La misura varata dal governo guidato da Matteo Renzi e' il secondo intervento su tale materia dopo il riordino definito dal governo Monti che porto' dal 12,50% al 20% la tassazione sulle rendite finanziarie ad accezione dei titoli di Stato che rimangono al 12,5%. Anche Renzi ha precisato che l'aumento dell'imposta non tocchera' i Bot people, tra l'altro alle prese con rendimenti ai minimi storici.

Nel 2013 l'imposta sui redditi di natura finanziaria e sulle plusvalenze ha generato un gettito di quasi 11 miliardi di euro in robusto aumento rispetto ai 9,2 miliardi dell'anno precedente ed ai 6 miliardi del 2011 (prima del riordino del governo Monti con il passaggio delle aliquote del 12,5% e del 27% all'aliquota unica del 20%).

Il premier ha indicato che l'aumento al 26% comportera' un maggiore gettito di circa 2,6 miliardi di euro, valore allineato alle stime recentemente formulate dalla Cgil che indicava 2,5 miliardi con un'aliquota al 25%. L'intervento sull'imposta sulle rendite finanziarie era stato previsto anche dal governo Letta che non riusci' a far passare l'aumento al 22%.

In poco piu' di due anni dunque la tassazione sui redditi da capitale e' piu' che raddoppiata (escludendo i titoli di Stato fermi al 12,5%). Nonostante un tale giro di vite un'aliquota al 26% e' in linea con la media europea che si colloca al 25% anche se in diversi paesi l'imposta ha un carattere progressivo. Il picco in Europa e' l'imposta francese che arriva a sfiorare il 35%. I principali paesi europei comunque negli ultimi anni (a seguire il crac della finanza mondiale del 2009) sono intervenuti alzando l'imposizione sui redditi da capitale. In Gran Bretagna l'imposta dal 2010 e' stata aumentata dal 18 al 28% ma resta al 18% oper coloro che dichiarano redditi non superiori alle 35 mila sterline. L'anno scorso anche la Spagna ha rivisto l'imposta introducendo un sistema progressivo con aliquote tra il 21 e il 27% in base al reddito. Imposta unica in Germania pari al 25% ma con una maggiorazione sottoforma di contributo di solidarieta' che porta l'imposta effettiva al 26,37%.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Cambi
Sterlina a minimi dopo crollo ottobre, cala sotto 1,2 su dollaro
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello