sabato 03 dicembre | 15:25
pubblicato il 21/giu/2013 11:30

Fisco: Squinzi, riflettere va bene, ma poi decidere

(ASCA) - Longarone (Bl), 21 giu - ''Il fatto di riflettere, fare l'inventario e quindi poi l'analisi dei problemi mi sembra un metodo che puo' essere anche corretto, purche' poi alla fine si prendano le decisioni vere, perche' tutto ci possiamo permettere, tranne che continuare a ritardare le decisioni''. Lo ha detto il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi a margine dell'assemblea di Belluno-Dolomiti, a proposito del rinvio delle misure sul cuneo fiscale la cui riduzione e' stata rimandata alla prossima legge di stabilita', in settembre-ottobre. ''Ripeto, riflettere su tutte le disponibilita' che ci sono e' importante, perche' e' chiaro che le disponibilita' economiche in questo momento sono limitate''. Quanto poi al rinvio do qualche giorno del piano lavoro, Squinzi ha commentato con i giornalisti: ''E' meglio ritardare di una settimana il Consiglio dei ministri e prendere le decisioni giuste, pero' non si puo' ritardare all'infinito. Alla fine bisogna avere il coraggio di fare delle scelte''. fdm/rec

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari