mercoledì 07 dicembre | 22:14
pubblicato il 29/gen/2012 05:11

Fisco/ Semplificazioni subito, poi nuova delega per taglio Irpef

Si studia calo tasse dipendenti e pensionati da lotta evasione

Fisco/ Semplificazioni subito, poi nuova delega per taglio Irpef

Roma, 29 gen. (askanews) - Il governo, archiviati i due decreti su liberalizzazioni e semplificazioni, si concentrerà sul Fisco. L'obiettivo è quello di portare a uno dei prossimi Consigli dei ministri un provvedimento con semplificazioni fiscali che oltre ad agevolare la vita dei contribuenti punterà a ridurre i costi che le imprese sostengono per gli adempimenti tributari. In parallelo al decreto legge, l'esecutivo lavorerà a una nuova delega fiscale per superare quella già presentata in Parlamento dal precedente governo che nei fatti è già vecchia. Si studia l'introduzione nella delega del vincolo di destinare ogni anno il gettito recuperato dalla lotta all'evasione fiscale alla riduzione dell'Irpef per i lavoratori dipendenti, i pensionati e le famiglie. Sul taglio delle tasse nessuna decisione sarebbe ancora stata presa in quanto il primo passaggio adesso resta il varo del nuovo pacchetto di semplificazioni fiscali allo studio del ministero dell'Economia. Fra le ipotesi sul tavolo del Tesoro ci sarebbe comunque quella di ridurre il primo scaglione Irpef dal 23 al 20%, operazione possibile soltanto se dal recupero dell'evasione venissero incassati almeno 10-15 miliardi di euro. Oppure aumentare alcune detrazioni specifiche per lavoratori dipendenti e pensionati. Nella delega potrebbe anche entrare la verifica ex post sul reale impatto delle misure anti-evasione. Queste opzioni, tuttavia, potrebbero anche essere inserite all'interno di un progetto più ampio che prevede un vero e proprio riassetto dell'Irpef e del complesso delle deduzioni e detrazioni fiscali. In questo quadro decisiva sarà la situazione economica del Paese. Il governo, infatti dovrà decidere se destinare i proventi della lotta all'evasione fiscale al risanamento dei conti oppure operare un cambio di passo e destinarli alla riduzione della pressione fiscale attraverso un taglio dell'Irpef. L'esecutivo Monti spera inoltre di poter contare su un altro 'tesoretto' (fra i 5 e i 15 miliardi) che potrebbe arrivare dalla lotta agli sprechi della spending review avviata dal ministro Piero Giarda. Tornando al pacchetto semplificazioni in arrivo, gli alleggerimenti fiscali vanno dalla possibilità di ricorrere alla dichiarazione dei redditi semplificata per il 730; alla riscrittura dei termini per il versamento delle imposte. All'esame poi un metodo di superamento per lo spesometro e una razionalizzazione potrebbe toccare il debutto dell'Imu, la nuova Ici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni