domenica 04 dicembre | 03:46
pubblicato il 26/giu/2013 12:00

Fisco/ Risorse per rinvio Iva da tassa e-cig e acconti fiscali

Lo stabilisce la bozza del decreto del governo

Fisco/ Risorse per rinvio Iva da tassa e-cig e acconti fiscali

Roma, 26 giu. (askanews) - Dopo vari tentativi finiti in un nulla di fatto arriva una tassa, pari al 58,5% del prezzo di vendita, sulle sigarette elettroniche. L'imposta servirà a finanziare il rinvio dell'aumento dell'Iva dal 1 luglio al 1 ottobre. La copertura sarà garantita, inoltre, dagli acconti Irpef, Ires e Irap dovuti nel 2013. Lo prevede l'articolo 10 della bozza del decreto approvato oggi dal Consiglio dei ministri. "I prodotti contenenti nicotina o altre sostanze idonei a sostituire il consumo dei tabacchi lavorati nonchè i dispositivi meccanici ed elettronici, comprese le parti di ricambio, che ne consentono il consumo, sono assoggettati ad imposta di consumo nella misura pari al 58,5% del prezzo di vendita al pubblico". Per quanto riguarda gli interventi sull'Irpef, la bozza stabilisce che "a decorrere dal periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2013, la misura dell'acconto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche è fissata al 100%", dall'attuale 99%. Il decreto precisa poi che per il 2013, "la disposizione produce effetti esclusivamente sulla seconda o unica rata di acconto Irpef, effettuando il versamento in misura corrispondente alla differenza fra l'acconto complessivamente dovuto e l'importo dell'eventuale prima rata di acconto". Per i soggetti che si avvalgono dell'assistenza fiscale, saranno i sostituti d'imposta a trattenere la seconda o unica rata di acconto tenendo conto dell'aumento. Per l'Ires, per il periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2013 la misura dell'acconto dell'imposta sul reddito delle società, è aumentata dal 100 al 101%. La disposizione "produce effetti esclusivamente sulla seconda o unica rata di acconto, effettuando il versamento in misura corrispondente alla differenza fra l'acconto complessivamente dovuto e l'importo dell'eventuale prima rata di acconto". Infine, "per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2013 e per quello successivo, il versamento di acconto dell'Irap è fissato nella misura del 110 per cento. Per il periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2013 la disposizione produce effetti esclusivamente sulla seconda scadenza di acconto, effettuando il versamento in misura corrispondente alla differenza fra l'acconto complessivamente dovuto e l'importo versato alla prima scadenza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari