sabato 21 gennaio | 16:44
pubblicato il 25/lug/2013 19:10

Fisco: priorita' ridurre pressione, lotta a evasione e sommerso (focus)

(ASCA) - Roma, 25 lug - La grande priorita' in Italia e' ridurre la pressione fiscale. Questo il coro che si e' levato oggi da piu' parti, con l'accento sulla necessita' di sostenere la lotta all'evasione fiscale.

''E' prioritario ridurre la pressione fiscale'' ha infatti ammonito il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, avvertendo tuttavia che ''un'estesa razionalizzazione'' della spesa pubblica ''rappresenta una condizione necessaria per una riduzione permanente e significativa della pressione fiscale che grava sull'economia regolare, creando disincentivi all'offerta di lavoro e all'attivita' di impresa''. Saccomanni ha poi avvertito che ''affinche' il mantenimento della stabilita' di bilancio si coniughi con la crescita e l'equita' non potra' essere assolutamente allentata la lotta all'evasione fiscale''. Altro grande problema italiano il sommerso, dato che, secondo i dati di Confcommercio, sottrae un'imponibile di 272 miliardi al Fisco, ovvero 144 miliardi all'Erario. L'economia sommersa ammonta infatti al 17,4% del Pil, piu' che in Messico (11,9%) e Spagna (9,5%). Confommercio ha stimato che nel 2013 anche la pressione fiscale tocchera' la cifra record (tra le economie avanzate) del 54%. ''Dunque l'attuale priorita' economica e' quella di ridurre l'attuale pressione fiscale che e' incompatibile con qualsiasi concreta prospettiva di ripresa, ha avvertito il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, che auspica ''un patto tra tutti i contribuenti in regola, le istituzioni e l'amministrazione finanziaria per aprire finalmente una stagione in cui le tasse e la crescita non siano piu' incompatibili''. Dello stesso avviso il ministro Saccomanni, che spiega come l'obiettivo del governo sia quello di individuare interventi e misure per ''migliorare il rapporto fra i contribuenti e l'amministrazione finanziaria, sia l'efficacia dell'azione di contrasto all'evasione''.

Tutti d'accordo anche sugli introiti legati alla lotta all'evasione fiscale, che secondo le stime del direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, dovrebbero attestarsi piu' o meno in linea con l'anno scorso, ovvero tra i 12-13 miliardi di euro: i progressi ''saranno utilizzati per finanziare sgravi'' per i contribuenti, in particolare ''quelli che assolvono pienamente i loro obblighi''.

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, che ha chiesto di ''abbassare le tasse che sono troppo alte e recuperare i soldi dell'evasione: sono 130 miliardi, una vera e propria estorsione ai danni di chi paga le tasse''.

fch/rf/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4