lunedì 23 gennaio | 08:03
pubblicato il 05/lug/2013 19:08

Fisco: Mef, nei primi 5 mesi stabile gettito entrate tributarie (1 upd)

(ASCA) - Roma, 5 lug - Il gettito tributario dei primi cinque mesi del 2013, pur in presenza di una congiuntura economica negativa, si mantiene sostanzialmente stabile rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo rende noto, in un comunicato, il ministero dell'economia e delle finanze precisando che nel complesso, le entrate erariali registrate nel periodo gennaio-maggio 2013, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 149.117 milioni di euro, mostrando una lieve variazione negativa dello 0,2% (-373 milioni di euro) al confronto con i primi cinque mesi del 2012.

Le imposte dirette registrano un aumento complessivo del 3,1% (+2.291 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il gettito IRPEF cresce dell'1,4% (+912 milioni di euro), come effetto degli incrementi delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+3,9%) e dei versamenti in autoliquidazione (+26,2%) e della flessione delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato (-0,1%) e dei lavoratori autonomi (-6,7%).

L'IRES presenta un gettito di 1.575 milioni di euro (-187 milioni pari a -10,6%).

Tra le altre imposte dirette si registra un incremento dell'imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale pari a +21,0% (+667 milioni di euro), dell'imposta sostitutiva sul risultato maturato delle gestioni individuali di portafoglio (+914 milioni di euro) e dell'imposta sostitutiva sul valore dell'attivo dei fondi pensione (+440 milioni di euro). Nel complesso, la crescita delle imposte sostitutive sui redditi da capitale riflette il nuovo regime di tassazione in vigore dal 1* gennaio 2012, che ha previsto l'unificazione delle due aliquote del 12,5% e del 27% al 20%. Le imposte indirette diminuiscono del 3,5% (-2.664 milioni di euro). In particolare, il gettito IVA risulta in flessione del 6,8% (-2.870 milioni di euro) a seguito della riduzione del gettito derivante dalla componente relativa agli scambi interni (-3,6%) e dal prelievo sulle importazioni (-22,4%).

In netta controtendenza, nonostante la fase congiunturale negativa, prosegue l'andamento positivo del gettito IVA nel settore del commercio al dettaglio (+3,1%) che riflette l'efficacia dell'azione di contrasto all'evasione.

Tra le altre imposte indirette si segnala la perdita di gettito dell'imposta di fabbricazione sugli oli minerali (-2,8% pari a -251 milioni di euro) per effetto del calo dei consumi, e la riduzione del gettito dell'imposta di consumo sul gas metano (-2,0%, pari a -30 milioni di euro).

In crescita significativa l'imposta di bollo che registra un incremento del 39,5% (+1.350 milioni di euro), per effetto delle modifiche normative introdotte dall'art.19, commi 1-5, del decreto legge n.201 del 2011. Le entrate relative ai giochi presentano, nel complesso, una contrazione dell'1,3% (-70 milioni di euro).

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4