martedì 28 febbraio | 15:18
pubblicato il 07/feb/2014 17:19

Fisco: Mef, la pressione e' al 44,3% del Pil ed e' destinata a scendere

Fisco: Mef, la pressione e' al 44,3% del Pil ed e' destinata a scendere

(ASCA) - Roma, 7 feb - La pressione fiscale in Italia si e' attestata al 44,3% nel 2013 ed e' destinata a scendere perche' ormai ha raggiunto ''livelli tali da rendere difficile la vita a chiunque faccia impresa''. Lo ribadisce il Ministero dell'Economia e delle Finanze in una nota diffusa in merito alla stima della pressione fiscale effettiva contenuta nel Rapporto promosso da Cna Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. ''A prescindere dalle disquisizioni sui metodi di calcolo di questi indicatori - sottolinea il Mef - il Ministro dell'Economia e delle Finanze Fabrizio Saccomanni ha sempre manifestato la propria convinzione, ampiamente condivisa nel Governo, che la pressione fiscale in Italia abbia raggiunto livelli tali da rendere difficile la vita a chiunque faccia impresa. Pertanto il Governo ha assunto la riduzione della pressione fiscale come proprio obiettivo prioritario, e ha avviato un processo per la revisione della spesa pubblica. I risparmi che saranno conseguiti verranno destinati prioritariamente all'abbattimento della pressione fiscale''. Un primo intervento per la riduzione della pressione fiscale sulle imprese, ricorda via XX settembre, e' stato programmato con la Legge di Stabilita' 2014, grazie alla quale alle imprese italiane verra' risparmiato il pagamento di 1 miliardo di euro per contributi INAIL (e' stato recentemente deliberato il rinvio a maggio della prima scadenza contributiva per consentire a tutte le aziende di godere di tale beneficio). La Legge di Stabilita' ha inoltre gia' programmato un analogo taglio dei contributi INAIL per 1,2 miliardi nel 2015 e 1,4 nel 2016. L'aumento delle detrazioni IRPEF offrira' un sollievo fiscale ai lavoratori per oltre 1,5 miliardi di euro nel 2014, 1,7 nel 2015 e nel 2016. Con gli interventi programmati dalla Legge di Stabilita' 2014 la pressione fiscale e' destinata a scendere fino al 43,7% del PIL nel 2016. Con il recente decreto legge n. 4 del 2014 (che dispone interventi urgenti in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all'estero, nonche' altre disposizioni urgenti in materia tributaria e contributiva), prosegue il Mef, il Governo ha inoltre sostituito le misure per la riduzione delle detrazioni d'imposta con risparmi da conseguire sulle spese dello Stato per circa 500 milioni nel 2014, circa 800 nel 2015 e oltre 550 dal 2016. Anche questo intervento e' volto a non portare aggravi alle famiglie. com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Taxi
Taxi, Cgia Mestre: in Italia i costi di gestione più alti dell'Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech