domenica 22 gennaio | 13:48
pubblicato il 10/lug/2013 19:39

Fisco: Mef, a maggio aperte 46.402 partite Iva (-3,7%)

(ASCA) - Roma, 10 lug - A maggio 2013 sono state aperte 46.402 partite Iva, con una flessione del 3,7% rispetto al corrispondente mese dell'anno precedente. E' quanto si legge nell'Osservatorio sulle partite IVA del Mef nel quale si precisa che la distribuzione per natura giuridica evidenzia che il 74,9% delle nuove partite iva riguarda le persone fisiche, mentre le societa' di capitali si attestano al 18,1%. Un dato, quest'ultimo, in aumento del 9,3% rispetto a maggio 2012 che pero' non riesce a bilanciare la flessione delle altre forme giuridiche (in particolare delle societa' di persone che segnano il -24,1%). L'andamento e' verosimilmente influenzato dalle recenti norme che facilitano la costituzione di societa' a responsabilita' limitata.

Relativamente alla ripartizione territoriale delle nuove partite iva, il 41,8% e' localizzato al Nord, il 23,2% al Centro ed il 34,9% al Sud ed Isole. Il confronto con lo stesso mese dello scorso anno mostra gli aumenti piu' sensibili per le province autonome di Bolzano (+7,6) e Trento (+9,1) oltre alle Marche (+7,3%). I decrementi piu' marcati si registrano in Piemonte (-9,8%), Liguria (-13,5%) e Sicilia (-12,0%).

Considerando il settore economico, al primo posto si conferma il commercio con il 23,8% del totale delle nuove aperture di partita iva, seguito dalle attivita' professionali (13,4%), agricoltura ed edilizia. Rispetto al corrispondente mese del 2012 la quasi totalita' dei settori principali risulta in flessione. Si segnala il settore edilizio (-12,9%), che continua la sua fase negativa; in controtendenza e' degno di nota il forte aumento (+94,5%) delle attivita' finanziarie/assicurative, trainate dalle ''attivita' ausiliarie'' .

Quanto alle persone fisiche, la ripartizione per sesso e' sempre stabile, con i maschi cui appartiene il 64,1% di aperture di partite Iva. La meta' delle aperture e' dovuta a giovani fino a 35 anni ed un terzo alla classe 36-50 anni.

Rispetto a maggio dell'anno precedente tutte le classi di eta' sono in flessione, in modo particolare quella fino a 35 anni (-6,5%), con la sola eccezione della classe oltre i 65 anni che mostra un aumento di aperture.

Nel mese di maggio, infine, 12.148 persone fisiche (pari al 26% del totale delle nuove aperture) hanno aderito al regime fiscale di vantaggio riservato ai giovani sotto i 35 anni, ai disoccupati ed ai lavoratori in mobilita', che per cinque anni limita l'imposta dovuta al 5% degli utili dichiarati, esonerando da Iva ed Irap.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4