lunedì 05 dicembre | 05:29
pubblicato il 18/mag/2012 09:09

Fisco/ Imu: Mancano 2,5 mld,sindaci stimano innalzamento aliquota

Corriere della Sera: Previsto un rialzo dell'1 per mille

Fisco/ Imu: Mancano 2,5 mld,sindaci stimano innalzamento aliquota

Milano, 18 mag. (askanews) - Il gettito dell'Imu rischia di essere inferiore di 2,5 miliardi rispetto alla vecchia Ici e i sindaci stimano che il governo dovrà alzare le aliquote. Un altro uno per mille in più sia sulla prima casa sia sugli altri immobili. Lo scrive il Corriere della Sera, riportando i calcoli che saranno presentati oggi dall'Ifel, l'istituto di ricerca dell'Anci. Secondo i calcoli che saranno presentati oggi al convegno di Frascati le stime di gettito del governo sono esagerate: mancherebbero all'appello almeno 2,2 miliardi di euro. Così, per centrare l'obiettivo di bilancio e rimanere sul sentiero che porterà all'agognato pareggio nel 2013, nel corso dell'estate potrebbe esserci la necessità di alzare le aliquote. Un altro uno per mille in più sia sulla prima casa che sugli altri immobili. A meno di non produrre un buco nel bilancio pubblico di 8-900 milioni di euro, ed un nuovo taglio alle risorse dei sindaci, sul 2012, di 1,3 miliardi. Che si aggiungerebbe a quello di 2,5 stabilito dal salva Italia e a quello di 1,4 miliardi deciso ad agosto del 2011 dal governo Berlusconi. Senza contare i 7,9 miliardi di risparmi imposti dalle manovre degli anni scorsi. Una situazione che i sindaci ritengono insostenibile. I meccanismi perversi dell'Imu, insieme al cordone sempre più stretto del Patto di Stabilità - si legge ancora sul Corriere della Sera - stanno strangolando la finanza locale. Se ancora si può parlare di finanza "locale": i Comuni con l'Imu avranno 2,4 miliardi in più rispetto all'Ici 2010, ma subiranno un taglio dei trasferimenti e del fondo di riequilibrio di 5 miliardi di euro. Così, sottolinea lo studio dell'Ifel, lo Stato incassa 13 miliardi in più, e i sindaci perdono quasi il 30% del gettito garantito dalla vecchia Ici. Per cui, se vorranno avere le stesse risorse di prima, dovranno alzare le aliquote dell'Imu. I cittadini, insomma, dovranno pagare più tasse per ottenere gli stessi servizi. Tasse che saranno, per giunta, tanto più alte rispetto al passato, quanto in passato erano più basse rispetto alla media.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari