lunedì 05 dicembre | 04:10
pubblicato il 20/mag/2013 12:00

Fisco/ Fassina: Iva si può evitare tassando prime case di pregio

Il viceministro: mancata sospensione sarebbe per il 15% dei casi

Fisco/ Fassina: Iva si può evitare tassando prime case di pregio

Milano, 20 mag. (askanews) - Il congelamento dell'Iva "costa per il 2013 2,2 miliardi di euro che è esattamente, euro in più euro in meno, l'ammontare del gettito Imu proveniente da quel 15% di proprietari di prime abitazioni di maggior valore per i quali, assieme agli altri, è scattata la sospensione del pagamento". Lo afferma, in un'intervista al Corriere della Sera, il viceministro dell'Economia Stefano Fassina. "Le materie sono diverse ma il bilancio è unico", avverte il viceministro. Intendendo con questo, scrive il quotidiano, che in sede di riforma dell'Imu a settembre, assieme alla Tares e alla revisione della fiscalità immobiliare, l'alleggerimento dell'imposta sulla prima casa potrebbe essere rimodulato lasciando così in piedi le risorse per finanziare sin da ora il congelamento dell'Iva. "Così non ci sarebbe alcuna caduta recessiva", dice.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari