martedì 24 gennaio | 14:51
pubblicato il 19/lug/2013 12:33

Fisco: false compensazioni, Ag.Entrate e Inps scoprono frode da 30 mln

Fisco: false compensazioni, Ag.Entrate e Inps scoprono frode da 30 mln

(ASCA) - Roma, 19 lug - Stretta sulle compensazioni di crediti d'imposta inesistenti per pagare i contributi previdenziali. Si chiude oggi la prima operazione messa in campo da 40 ispettori dell'Inps e 74 funzionari dell'Agenzia delle Entrate per contrastare la frode ideata da alcune societa', con sede nel Lazio e in Abruzzo che, con il meccanismo della compensazione, utilizzavano crediti di imposta inesistenti per effettuare il versamento dei contributi previdenziali. L'escamotage permetteva agli autori delle operazioni fittizie di apparire formalmente in regola.

Complessivamente l'importo delle compensazioni indebite effettuate supera i 30 milioni di euro.

E' quanto si legge in una nota dell'Agenzia delle Entrate, secondo cui il meccanismo fraudolento svelato riguarda soggetti che, nel periodo 2009-2013, hanno pagato i propri contributi previdenziali tramite F24, presentati formalmente da soggetti inesistenti, le cosiddette ''cartiere'' (soggetti che producono solo ''carte'', documenti), in cui sono stati indicati crediti d'imposta altrettanto inesistenti. Queste operazioni fittizie hanno permesso al soggetto titolare della matricola Inps di risultare in regola con i versamenti previdenziali in quanto, per effetto della compensazione, l'Inps riceveva effettivamente quanto dovuto. In particolare, l'importo complessivo delle compensazioni indebite effettuate nel periodo indicato, 2009-2013, risulta pari a piu' di 30 milioni di euro. Di questi, all'incirca 20 milioni di euro sono relativi a contribuenti con sede nel Lazio.

I funzionari dell'Agenzia delle Entrate e gli ispettori dell'Inps hanno effettuato da ieri piu' di 60 controlli nei confronti di contribuenti e di alcuni professionisti ritenuti presunti registi della frode.

L'attivita' e' la prima di una serie di operazioni che scaturiscono dalla collaborazione tra le competenti Direzioni Centrali dell'Agenzia delle Entrate e dell'Inps, dai rispettivi Uffici centrali ispettivi e antifrode e dalle articolazioni operanti sul territorio (in particolare, per l'Agenzia delle Entrate, l'ufficio Antifrode della Direzione Regionale del Lazio, l'ufficio Controlli fiscali della Direzione Regionale dell'Abruzzo e le Direzioni Provinciali I, II e III di Roma, Frosinone e L'Aquila e per l'Inps le Direzioni Regionali del Lazio e dell'Abruzzo), che mettono a frutto le potenziate capacita' di incrocio dei dati disponibili. com-fch/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4